Un successo per l’Arci la stagione estiva dei campi di lavoro e conoscenza all’estero

Anche quest’anno la stagione estiva dei campi di lavoro e conoscenza proposta dall’Arci (15 luglio-30 agosto) è stata un successo.
In un mese e mezzo abbiamo organizzato la presenza e le attività solidali di 35 volontarie e 20 volontari: in Brasile con i Sem Terra, in Libano nei campi profughi palestinesi, nei territori palestinesi, in Rwanda con donne e bambini vittime delle violenze etniche,in Bosnia e in Colombia con i giovani dei movimenti per i diritti umani e per l’ecosostenibilità ambientale.

L’età media registrata è 30 anni, con un ‘picco’ di presenze tra gli over 30, ma anche con un partecipante al campo in Palestina di 17 anni. Va sottolineata la positiva ‘ripresa’ di partecipazione di nostre socie e nostri soci, ben 28. Quest’ultimo dato è tanto più importante perché la scelta degli ultimi due anni di far passare comunicazione pubblicizzazione soprattutto via sito (e da quest’anno anche attraverso face book), temevamo che favorisse candidature più esterne all’Arci. Invece, i contatti con alcuni comitati nella fase di prima informazione e preselezione hanno indicato da subito un coinvolgimento responsabile e interessato di dirigenti e anche attivisti di circoli. Lo conferma l’impegno forte del Comitato della Valle di Susa, che ha coinvolto studenti, giovani soci, enti locali nella costruzione di un gruppo organizzato che partecipasse al campo in Palestina.

Le richieste diffuse del tessuto associativo Arci rispetto al maggiore coinvolgimento del nostro volontariato nelle attività che svolgiamo in progetti di cooperazione internazionale hanno aperto una riflessione tra le persone impegnate nella progettazione e nella gestione (cooperanti, personale della struttura, volontarie e volontari in servizio civile all’estero, nostri partner): i campi di lavoro e conoscenza devono, in qualche modo, avere uno sviluppo differenziato nell’offerta e impegnare di più operatrici e operatori e dirigenti dell’Arcs in un calendario più fitto e più ‘ricco’ di proposte.

Ci sono arrivate dall’Italia e dai Paesi dove operiamo richieste e proposte più complesse, come per esempio Summer School, abbinamenti a viaggi di turismo solidale, partecipazione o promozione di campi con altre associazioni e ong europee e internazionali.
Con una gamma più ampia di offerte e anche una maggiore volontà e disponibilità a costruire insieme nuove ipotesi di volontariato all’estero, fidelizzate anche ad azioni di ‘sostegno a distanza’ di attività progettuali per i gruppi di interesse o provenienti da medesime città, è possibile promuovere e/o rafforzare la cooperazione tra comunità, con un protagonismo vero del mondo Arci, dai territori al nazionale. Questo percorso, obbligato per fare il vero ‘salto di qualità’, ha anche bisogno di un investimento associativo nella formazione condivisa e qualificata sui temi della cooperazione e anche della mobilità internazionale non più rimandabile.

stilli@arci.it

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *