Arcs esprime solidarietà al popolo albanese

Rimane tesa la situazione in Albania dopo gli scontri che il 21 gennaio scorso a Tirana hanno causato 113 arresti e tre morti tra i manifestanti dell’opposizione antigovernativa. Dopo i funerali delle tre vittime lo scorso 23 gennaio, il leader dell’opposizione socialista Edi Rama ha chiesto una netta condanna internazionale di quanto è accaduto: «L’Italia e l’Ue – ha affermato – non devono accettare in Albania una realtà inaccettabile per il mondo democratico e condannare la violenza di Stato che uccide gente innocente».

Arcs, che da molti anni lavora a fianco della società civile albanese attraverso progetti di promozione sociale, culturale e economica di donne e giovani, esprime la sua solidarietà al popolo albanese e a Edi Rama, con cui l’Ong ha avuto modo di collaborare quando il leader socialista era sindaco di Tirana.

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *