Il 17 maggio a Tripoli l’evento di chiusura del progetto “Supporto istituzionale per la gestione integrata delle emergenze nella conurbazione di Al Fayhaa”

Dalla nostra cooperante a Tripoli Elena Cozzani. Il 17 maggio si terrà a Tripoli un evento per la consegna di due veicoli, un’autopompa IVECO e una jeep Land Rover Defender 130, acquistati all’interno del progetto “Supporto istituzionale per la gestione integrata delle emergenze nella conurbazione di Al Fayhaa”.

All’evento parteciperanno le principali autorità di Tripoli, tra cui il sindaco della città e presidente dell’Unione delle Municipalità di Al Fayhaa, il Dott. Nader Ghazal, i sindaci di Al Mina e Beddaoui, e l’ambasciatore Italiano in Libano, sua Eccellenza Giuseppe Morabito. La cerimonia avrà luogo a Tripoli, presso la Caserma dei Vigili del Fuoco, allo scopo di ufficializzare la consegna dei veicoli cosi’ come di dare visibilità ai risultati dell’intervento.

Il progetto, finanziato dalla Cooperazione Italiana per un totale di 400.000 Euro e conclusosi il 28 febbraio 2011, intendeva rispondere all’esigenza di creare una struttura di supporto alla Pubblica Amministrazione di Tripoli nella gestione delle emergenze urbane. Nello specifico, i risultati del progetto prevedevano il rafforzamento delle capacità dei Vigili del Fuoco di Tripoli, la costituzione di una Unità di Crisi all’interno della Caserma dei Vigili e la realizzazione di un piano comunale di emergenza per la gestione delle crisi urbane.

All’interno del progetto sono state acquistate attrezzature per la sala operativa (computer, server, stampanti, fax, centralini, mobili ecc.), un nuovo sistema radio per le vetture dei pompieri e un software specializzato per la gestione degli interventi durante un’emergenza. Inoltre una prima bozza del piano di emergenza, grazie al supporto dell’assistenza tecnica italiana NIER Ingegneria, è stata completata dal gruppo di coordinamento dell’Unità di Crisi, composto da rappresentanti delle varie istituzioni interessate in caso di crisi (rappresentanti delle 3 municipalità di Tripoli, Al-Mina e Beddawi, della Croce Rossa, della Protezione Civile Libanese e dei Vigili del Fuoco).

Entrambi i mezzi (autopompa IVECO e Land Rover con modulo anti-incendio), sono stati identificati con l’aiuto della Protezione Civile Italiana, mentre attrezzature extra per i pompieri sono state acquistate da fornitori locali (principalmente attrezzature da soccorso).

Il percorso di rafforzamento dei Vigili del Fuoco di Tripoli è stato portato a termine la settimana scorsa, grazie a un training sull’autopompa realizzato da un tecnico dell’IVECO in missione i Libano. Lo scopo del training era formare i pompieri sull’utilizzo del mezzo e delle attrezzature di soccorso in dotazione all’autopompa.

Il raggiungimento di un totale coordinamento tra le varie istituzioni e agenzie in caso di emergenza risulterà un percorso ancora lungo, considerate le difficoltà della pubblica amministrazione libanese nel lavorare con altri enti, dovute a lunghe procedure burocratiche, all’accentramento statale che non permette ampi margini di manovra a livello municipale, nonchè al pesante fardello che si porta dietro il Libano, dopo una guerra civile durata 15 anni e responsabile non solo di avere inasprito i rapporti tra le varie comunità, ma anche di avere distrutto il tessuto sociale del paese.

Nonostante i problemi di natura organizzativa e comunicativa, il lavoro fatto nei mesi passati, grazie al progetto, ha permesso di porre solide basi per una sana collaborazione tra i vari enti i quali, per la prima volta, hanno accettato di sedersi attorno ad un tavolo e discutere assieme come affrontare un’emergenza e quali procedure seguire in caso di crisi.

Grazie a questo intenso e produttivo lavoro, l’Unione delle Municipalità di Al Fayhaa ha adesso tutti i mezzi e gli strumenti necessari che le permetteranno di costituire un efficiente centro di coordinamento municipale, il primo di questo genere in Libia. L’Unione, quindi, non solo sarà all’avanguardia nella gestione delle emergenze locali, ma al tempo stesso potrà garantire un miglioramento delle condizioni di sicurezza dei cittadini dell’area di Tripoli, a dimostrazione di come la cooperazione internazionale sia un importante mezzo di sviluppo a servizio della popolazione.

In allegato:

Invito all’evento di consegna dei veicoli

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *