L’Arci e Cuba: una solidarietà sincera

settimana del cinema a cuba - 2009

L’Arci è presente a Cuba da molti anni e la storia della solidarietà tra la nostra associazione e la popolazione dell’Isola ha attraversato i diversi momenti delle relazioni internazionali della sinistra.

Dal solidarismo internazionalista si è passati man mano a forme di relazione diverse e forse più critiche e consapevoli. L’Arci è stata vicina al popolo cubano durante i durissimi anni che seguirono il collasso del blocco socialista, tanto terribile da affamare una intera nazione. In questo Periodo Special tante Arci si mobilitarono raccogliendo e spedendo container di materiali, grandi quantità di quaderni e libri per gli studenti, cancelleria, farmaci, generi di prima necessità. Nel disastro economico Arci supportò la cultura cubana, le espressioni artistiche, il cinema e la letteratura, che sarebbero potute essere travolte dalle necessità primarie di sussistenza. Quando Cuba uscì dall’emergenza Arci fu protagonista di innovativi processi di cooperazione decentrata allo sviluppo con il programma PDHL delle Nazioni Unite, che vide partecipare tanti comitati territoriali e regionali, tanti circoli, in rete con amministrazioni e società civile.

L’Arci a Cuba ha una solida stima perché non ha mai rinunciato a commentare e criticare le scelte del governo locale. Per questo le relazioni solidali più forti e le interlocuzioni più sincere sono con la parte migliore della dirigenza locale, sia quella centrale che quella periferica. Arci è conosciuta laddove è stata presente, per aver condotto sempre le proprie attività in maniera partecipata e popolare, accanto ai responsabili ed agli operatori cubani che davvero lavorano sul territorio ed assieme alle fasce deboli della popolazione. Questa considerazione ci ha permesso peraltro di sviluppare ottime relazioni con l’Ambasciata d’Italia a l’Avana e le rappresentanze di Nazioni Unite e dell’Unione Europea, che spesso interpellano l’Arci sulle cose cubane.

Con questi enti e con le parti cubane l’Arcs ha attivi dei progetti che vedono partecipare i nostri comitati territoriali e regionali. Si tratta soprattutto di progetti di tutela dei diritti culturali, di conservazione del patrimonio, di creazione di occasioni di crescita integrata tramite attività culturali e ricreative. E poi c’è la parte socio-sanitaria, il contrasto alle malattie a trasmissione sessuale, la sfera materno-infantile ed il benessere psicofisico della popolazione omosessuale e transgender.

Pragmatismo, comunicazione, orizzontalità contraddistinguono l’azione dell’Arci a Cuba. Perché sarà importante continuare a sostenere la parte migliore della società cubana quando, inevitabilmente, qualcosa di nuovo succederà.

Info: mengozzi@arci.it

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *