ARCS sostiene l’appello di “Friends of Humanity International” per il rilascio di Hanaa’ Shalaby

“Friends of Humanity International” ha espresso la sua profonda preoccupazione per la salute di Hanaa’ Shalaby, una donna palestinese imprigionata nelle carceri israeliane. L’organizzazione ha chiesto alla comunità internazionale di salvare la sua vita e alle Autorità di Occupazione Israeliane di rilasciarla subito.

Il gruppo ha spiegato che la vita di Shalaby Hanaa (30 anni), proveniente dal Birqeen Village nei pressi di Jenin, è seriamente in pericolo a causa di uno sciopero della fame che dura da 41 giorni. La donna ha iniziato il suo sciopero come protesta per la detenzione amministrativa e per il trattamento degradante subito durante l’arresto, oltre al fatto di non essere stata accusata ne condannata dalle autorità israeliane.

Un rapporto medico ha certificato che Shalaby soffre di una grave carenza di peso, debolezza muscolare e forti dolori a causa dello sciopero della fame.

Nel frattempo, l’Organizzazione ha sottolineato che la detenzione amministrativa della donna iniziata lo scorso 16 febbraio, così come il rapimento aggressivo dalla casa di famiglia con insulti e ingiurie, è da considerare una prova evidente dei metodi illegali che le Forze di Occupazione israeliane adottano con i prigionieri Palestinesi.

“Friends of Humanity” ricorda che i servizi segreti israeliani fanno ricorso a questa forma di detenzione, in alternativa alla pena detentiva basata su accuse, quando non sono disponibili evidenze penali contro determinate persone che loro vogliono comunque punire.

“Friends of Humanity” chiede al governo israeliano:

–          Di rilasciare immediatamente Janaa’ Shalaby e gli altri palestinesi in detenzione amministrativa;

–          Di garantirgli visite regolari del suo avvocato, dei medici e della sua famiglia;

–          Di cessare l’utilizzo della detenzione amministrativa, in quanto costituisce una violazione del diritto a un giusto processo garantito dall’articolo 14 della Convenzione Internazionale sui Diritti Civili e Politici.

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *