Libano sull’orlo di una guerra civile

Continuano gli scontri in Libano alimentati dalla crisi profonda che scuote la vicina Siria. Il livello di tensione è molto alto e gli esperti danno ormai per scontato lo scoppio di una vera e propria guerra civile.

Il 23 maggio scorso c’è stato l’ultimo scontro a fuoco a Beirut in ordine di tempo tra forze di sicurezza libanesi e un siriano armato. Dopo essersi rifugiato nel suo appartamento nel quartiere di Caracas, è stato trovato e ucciso. Insieme a lui è stato ritrovato un altro cadavere di cui non si conosce la causa ufficiale della morte.

Solo di pochi giorni prima era la notizia della morte di 14 persone e del ferimento di decine di altre negli scontri a Tripoli e Beirut tra sostenitori del regime siriano di Bashar e gruppi di opposizione sunniti. Così come non molto prima era stato ucciso dall’esercito libanese ad un checkpoint il leader sunnita Ahmad Abdel Wahed. La settimana scorsa, infine, tredici pellegrini libanesi sciiti sono stati rapiti nella regione siriana di Aleppo: l’Esercito Libero Siriano sembrerebbe responsabile di questa azione, ma i diretti interessati negano.

Intanto i gruppi politici e militari proliferano: da una parte il partito sciita Hezbollah e parte della comunità cristiana che sostengono Bashar e ritengono la rivolta siriana un complotto sunnita volto a consegnare Damasco ai Fratelli Musulmani e ai poteri occidentali; dall’altra i sunniti e l’altra parte della comunità cristiana che vedono, invece, nella rivolta la prosecuzione della Primavera Araba.

Una matassa difficile da districare, che come al solito lascia sul campo vittime civili e inermi.

Condivido sui social media!

2 Comments

  1. ettore tangorra

    Rispondi

    I guai iniziano da lontano: il regime di Assad padre aveva da sempre considerato il Libano nient’altro che provincia siriana, e così è per il suo lurido figlio. Si sono sempre parati dietro la loro apparente facciata di perbenismo filo-occidentale facendo però i loro sporchi giochi e agitando lo spettro del fondamentalismo per spaventare i loro potenti alleati europei. Ma perchè in Tunisia o Libia o Egitto non era forse così?

  2. Gulab

    Rispondi

    Grae7as a Deus, um dia antes do carnaval, eneortnci um amigo, chamado Gustavo, que me ofereceu uma carona e me fez o convite para esse retiro, eu estava desesperane7oso, com vontade de me destruir e voltar ao mundo das drogas, felizmente, aceitei o convite e passei momentos inesqueciveis com Jesus e pela primeira vez nos meus 41 anos de idade, senti o Espirito Santo de Deus tomar conta de todo o meu ser. Foi irado galera, muito obrigado Gustavo, muito obrigado Jovens Sarados, muito obrigado Jesus pelo resgate. Um beijo no corae7e3o de todos os Jovens Sarados de todo o Brasil e em especial aos da Misse3o Carague1. HUHUHUHU c9 CARAGUA e ate9 2012 galera, AMO VCS.

Rispondi a Gulab Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *