Mapas2: laboratorio audio visuale partecipativo a Santa Fe

Nel mese di giugno si terranno a Santa Fè, quartiere costiero periferico de L’Avana a Cuba, due laboratori audio visuali a cura di  Giuditta Nelli e Anna Positano. Gli interventi si inseriscono nell’ambito di Mapas², un progetto partecipato promosso da da Arci LiguriaArci Arcs – Arci Cultura e Sviluppo con Associazione Hermanos Saìz, Associazione di Volontariato e Cooperazione Internazionale Carretera Central e la collaborazione di Istituto Cubano di Arte e Industria Cinematografica – ICAIC, Associazione di Promozione Sociale A-POIS, Associazione Culturale DisorderDrama, Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce.

Mapas² è parte del progetto internazionale Santa Fé: Rafforzamento dei servizi socio-culturali per lo sviluppo comunitario, che affronta l’esclusione di parte della popolazione dalla vita culturale. Santa Fé è un quartiere periferico, un villaggio di pescatori, che non riesce a fruire della ricchezza culturale che da sempre caratterizza la città; inoltre, soffre una condizione sociale complessa, recentemente aggravata dal disastroso danneggiamento del Cinema Oasis e della Casa della Cultura, i due centri identitari e aggregativi d’eccellenza della comunità. Il progetto internazionale lavora alla ricostruzione di questi luoghi e prevede la messa in atto di processi partecipativi che rompano l’isolamento della popolazione locale e dei giovani in particolare.

Nelli e Positano coinvolgono abitanti, artisti e istituzioni locali e portano a compimento due lavori site specific che trovano significato soprattutto nel loro processo realizzativo. La partecipazione degli abitanti, declinata in modi diversi, consiste nell’inclusione attiva della comunità alla lettura, rilettura e traduzione del proprio paesaggio. In particolare, Nelli mette in atto un processo community based, incentrato su laboratori urbani in cui la fotografia stenopeica diventa strumento d’osservazione e ri-scoperta dei luoghi e delle relazioni. Positano utilizza il video, la fotografia e la mappa geografica per costruire una relazione con gli abitanti, che diventano guide alla scoperta della città.

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *