Semina il cambiamento

seminailcambiamentoSemina il cambiamento

Oggi nel mondo, gli oltre 500 milioni di piccole aziende contadine rappresentano quasi il 90% di tutte le imprese agricole, e sono la forma di agricoltura dominante nel settore della produzione alimentare, sia nei Paesi in via di sviluppo che in quelli avanzati.

I piccoli produttori agricoli non apportano solamente un contributo fondamentale alla sicurezza alimentare e nutrizionale globale: la loro attività preserva i prodotti alimentari tradizionali e l’agrobiodiversità, e promuove l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali.

Nonostante il loro fondamentale contributo, i piccoli agricoltori sono spesso vittime di povertà, vulnerabilità e insicurezza alimentare. Questo avviene a causa del loro scarso accesso a risorse naturali, input produttivi, infrastrutture e tecnologia, ed anche a causa di politiche che troppo a lungo hanno considerato la piccola agricoltura contadina come parte del problema della fame e della malnutrizione, e non come parte della sua soluzione.

L’Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare – indetto dalla FAO per il 2014 – ha rappresentato una tappa importante per innescare un percorso condiviso di reale cambiamento. Ma ancora molto c’è da fare. Come persone, cittadini, consumatori possiamo anche attivarci e aiutare i piccoli produttori agricoli a svolgere in maniera equa e sostenibile il loro compito: produrre cibo per loro stessi e per il pianeta.

Non c’è bisogno di essere un agricoltore o un rappresentante politico per fare la tua parte. Sostieni Semina il cambiamento, la campagna d’informazione del progetto Oltre Rio+20: seminare il futuro, coltivare il cambiamento per vincere insieme la Zero Hunger Challenge, iniziativa realizzata da Oxfam Italia, Slow Food, CeSPI e ARCS, con il contributo della Cooperazione Italiana allo Sviluppo – MAECI.

Sul sito seminailcambiamento.org puoi trovare tutte le informazioni e alcuni suggerimenti su come attivarti firmando la petizione, promuovendo eventi, partecipando ai vari programmi.

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *