Solo il 3% dell’acqua di Gaza è idoneo al consumo umano

di Redazione su nena-news.it

Il capo dell’Autorità palestinese per l’acqua, Mazin Gunaim, ha annunciato a inizio maggio che la falda acquifera nella Striscia non sarà idonea al consumo alla fine del 2016. Un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato tre anni fa ha detto che Gaza non sarà più un luogo abitabile nel 2020

di Yousef M. Aljamal*   Palestine Chronicle

Roma, 24 maggio 2016, Nena News – La Striscia di Gaza, un’enclave di 365 chilometri quadrati lungo la costa, è sede di una delle comunità più densamente popolate del mondo, dove l’acqua è diventata una fonte sacra. Secondo le ultime statistiche, i quasi due milioni di palestinesi di Gaza hanno il 3% di acqua idonea al consumo umano. Il futuro dell’acqua e la realtà per i palestinesi sembrano svanire.

Mazin Gunaim, capo del Palestinian Water Authority (Autorità Palestinese per l’Acqua) ha detto, in una conferenza stampa tenuta a Ramallah il 5 maggio, che “la falda acquifera nella Striscia di Gaza non sarà idonea al consumo umano alla fine del 2016. La quantità di acqua per persona al giorno è di 90 litri, misura che non soddisfa gli standard internazionali, e gran parte di essa è inquinata”.

Il rapporto delle Nazioni Unite ‘Gaza nel 2020: un luogo abitabile’, pubblicato nell’agosto del 2012 dichiara: “Oggi il 90% di acqua dalla falda acquifera non è sicuro da bere, senza trattamento. Per la maggior parte degli abitanti di Gaza, la disponibilità di acqua potabile è quindi limitata ad un consumo medio di 70 a 90 litri per persona al giorno (a seconda della stagione), al di sotto dello standard globale dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) di 100 litri per persona al giorno. “

Secondo il Palestinian Water Authority, circa 10.000 residenti di Gaza non hanno rubinetti dentro o vicino alle loro case, e circa un milione di persone non hanno accesso continuo all’acqua. “L’intero sistema idrico deve essere migliorato. C’è una grave mancanza di acqua che è non potabile nella maggior parte dei casi, ” Ha detto al Palestine Chronicle Bisan Aljadili, studente presso l’Università islamica di Gaza, dal campo profughi di Alnusierat.

L’occupazione israeliana nega anche l’ingresso di attrezzature e forniture necessari per la costruzione, manutenzione e gestione di acqua e servizi igienici per la Striscia di Gaza assediata. La mancanza di approvvigionamento di acqua è una tragedia in più per il popolo palestinese già sofferente. Eppure, non hanno altra scelta che adeguarsi alla situazione, per poter sopravvivere, nelle difficili condizioni della Striscia di Gaza.

“Ci sono tre grandi problemi: la scarsità di acqua e l’uso eccessivo della falda acquifera, l’inquinamento delle acque da nitrati, e la penetrazione dell’acqua di mare nelle acque sotterranee,” ha detto al Palestine Chronicle Bilal Alqidra, un ingegnere idrico di Khan Younis. “Non abbiamo desalinizzazione dell’acqua, le acque di scarico non sono trattate e questo oltre al problema della mancanza di energia elettrica. Anche l’acqua pulita che la gente acquista non è ben controllata dalle autorità competenti. I veicoli utilizzati per distribuire acqua potabile, non sono abbastanza puliti “, ha aggiunto.

La Water Utility dei comuni costieri, che gestisce diversi progetti di acqua lungo la striscia di Gaza, ha un messaggio da condividere con il mondo: “Rimuovere il blocco imposto sul settore idrico e migliorare la fornitura di energia elettrica per alimentare il sistema idrico. Il blocco e la mancanza di energia elettrica hanno un impatto negativo per la realizzazione di progetti idrici necessari a migliorare la qualità dell’acqua nella Striscia di Gaza. ”

* Yousef M. Aljamal è il corrispondente del Palestine Chronicle nella Striscia di Gaza.
(Tradotto da Marina Maltoni e pubblicato da Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus)

Condivido sui social media!