SIRIA. Veto russo su Aleppo, Mosca vuole la resa

da nena-news.it

Sussulto all’Onu sulla Siria, dopo mesi di silenzio, ma la tregua non passa. La Russia ha preparato un piano di evacuazione per le opposizioni che rifiutano.

No al cessate il fuoco di sette giorni: la battaglia di Aleppo si sposta a New York dove ieri la risoluzione proposta al Consiglio di Sicurezza è stata bocciata da Russia e Cina che hanno posto il veto. Così, in fretta, si chiude il solo tentativo debole e arruffato delle Nazioni Unite di intervenire politicamente nel conflitto in corso nella capitale del nord siriana.

Il silenzio assordante dell’Onu fa il paio con quello di Stati Uniti e Europa che, a parte qualche richiamo spicciolo al rispetto dei diritti umani, hanno completamente messo all’angolo la Siria e la sua guerra civile. Tutto in mano alla Russia che fa il bello e il cattivo tempo e che sta portando Damasco alla vittoria. L’amministrazione Obama, in chiusura di mandato, non pare intenzionata a spendersi oltre lasciando la patata bollente al successore, dichiarato putiniano. L’Unione Europea sul pezzo non c’è mai stata, limitandosi a ignorare il dramma dei rifugiati pagando fior di milioni alla Turchia.

Ieri il veto all’Onu non è nulla di nuovo o inaspettato. La Russia sa di essere ad un passo dalla vittoria e pone le sue condizioni: no ad un cessate il fuoco ora ma solo quando le opposizioni accetteranno la resa. Lo ha spiegato il ministro degli Esteri russo Lavrov al segretario di Stato Usa Kerry a cui ha presentato il suo piano: accordo con i “ribelli”, individuazione delle vie di transito e dei tempi dell’evacuazione e solo dopo la tregua.

Dopotutto né Mosca né Damasco hanno fretta: in poche settimane hanno ripreso quasi il 70% di Aleppo est, accerchiando su ogni lato le opposizioni armate e tagliando le vie di rifornimento. Un cessate il fuoco adesso permetterebbe ai “ribelli” di riorganizzarsi nel momento in cui stanno perdendo tutto: terreno, armi e anche scudi, con la fuga di oltre 31mila civili che con l’avanzata del governo sono riusciti ad uscire dall’assedio interno e esterno che li ha soffocati per quattro anni. Colpiti dal cielo dall’aviazione governativa, intrappolati a terra dai gruppi armati.

Le opposizioni provano a tenere insieme i pezzi, unendosi in una nuova coalizione, l’Esercito di Aleppo. Ma sono consapevoli della prossima sconfitta. Per questo hanno accettato di dialogare con la Russia, tramite la mediazione dell’alleato della prima ora, la Turchia, ma quel negoziato non sta portando da nessuna parte: ieri i “ribelli” hanno detto di no alla resa e all’evacuazione, nonostante il governo si sia nel frattempo ripreso altri quartieri portandosi a 800 metri dalla cittadella.

L’idea russa è un accordo sulla falsa riga di quelli di Daraya a Damasco o al-Waer a Homs: il governo garantisce l’uscita in sicurezza dei miliziani e le famiglie, la messa a disposizione di autobus diretti a Idlib, distretto quasi del tutto in mano all’ex al-Nusra, e la ripresa del sobborgo da parte delle truppe governative. Ad oggi tutti i “ribelli” arresi sono finiti tutti a Idlib, per una ragione precisa: da tempo Assad, non potendo sradicare del tutto la presenza dei gruppi armati, ha individuato nella creazione di enclavi la soluzione al momento migliore. Infilare i miliziani in zone precise, definite, circondate da territori in mano governativa, così da impedire loro di muoversi e portandoli così a morte naturale.

Resta da vedere quando resisteranno ad Aleppo est. La situazione dei civili è ogni giorno più drammatica: fonti locali parlano di 310 civili uccisi dall’inizio delle operazioni governative, a novembre, ad Aleppo est e quasi 100 ad Aleppo ovest, uccisi dai missili e gli attacchi dei miliziani. Acqua potabile e cibo sono introvabili, di ospedali non ne esistono praticamente più. Ieri è stata Mosca ad accusare i “ribelli” di aver colpito una clinica: razzi hanno colpito un ospedale da campo russo appena arrivato a ovest, uccidendo due infermieri e ferendo due medici. Nena News

Condivido sui social media!