Formazioni specialistiche donne e giovani senegalesi: si parte

ORIENTAMENTO AL LAVORO E DIVULGAZIONE DI CORRETTE INFORMAZIONI SULLA LEGISLAZIONE SULLA MIGRAZIONE REGOLARE. PRENDE AVVIO LA SCOMMESSA DELLE FORMAZIONI SPECIALISTICHE ALLE DONNE E AI GIOVANI SENEGALESI CHE ANIMERANNO GLI  SPORTELLI INFORMATIVI IN DIVERSE AREE DEL SENEGAL.

E’ stata avviata, all’interno del progetto PONTI, la prima parte della formazione per operatori/trici di sportello di orientamento condotta dai due partner CIM onlus e CIPSI.

Durante queste giornate il formatore internazionale Papa Modou Seck, esperto di legislazione sull’immigrazione in Italia, ha affrontato delicatissimi temi relativi alla legislazione in materia di migrazione regolare. Ogni punto è stato poi approfondito apportando una serie di dati riferiti al flusso migratorio senegalese. Ciò ha permesso quindi di contestualizzare i temi della formazione che erano particolarmente complessi ma che sono stati assimilati con grande successo, in quanto gli/le operatori/trici selezionati/e avevano già delle conoscenze pregresse e competenze acquisite sul campo grazie alle attività svolte dalle associazioni e dagli enti di cui fanno parte per contrastare l’emigrazione irregolare.

Grazie alla partecipazione di operatori/trici provenienti dalle diverse aree in cui insiste il progetto, questi primi incontri formativi sono serviti anche ad approfondire i fabbisogni e le necessità di donne e  giovani disoccupati e di coloro che vogliono emigrare, vale a dire gli utenti a cui saranno rivolte le attività degli sportelli che grazie al progetto PONTI saranno inaugurati nelle prossime settimane a Dakar, Kaffrine, Pikine, Thiaroye sur Mer e Thies. I moduli formativi intendono infatti rafforzare le competenze degli operatori in coerenza con le esigenze specifiche di chi deve essere informato e sensibilizzato e di chi, in un secondo momento, grazie alle opportunità offerte dal progetto si metterà in gioco come attore di sviluppo per il proprio paese.

Le prime giornate di formazione sono state dunque soltanto l’inizio di un cammino che condurrà alla nascita sul territorio senegalese di 5 sportelli di orientamento lavorativo e formativo e di contrasto alla migrazione irregolare, che sono stati identificati ed equipaggiati presso alcune associazioni partner, a complemento delle attività di formazione professionale, assistenza tecnica e sostegno allo start-up che intendono promuovere l’avvio di attività generatrici di reddito sostenibili e migliorare le capacità di impiego e di accesso al mercato di gruppi vulnerabili a forte rischio di emigrazione irregolare. Nel mese di ottobre, quindi, gli operatori riceveranno una formazione specialistica con la collaborazione dell’ANPEJ, l’Agenzia Senegalese per la promozione dell’occupazione giovanile sugli strumenti e i servizi per l’orientamento al lavoro e l’avvio all’impiego, mentre nel mese di novembre il partner COOPERMONDO garantirà alcune giornate di formazione per approfondire le conoscenze sul mondo cooperativistico. Inoltre, grazie alle sinergie che saranno sviluppate con le attività implementate in Italia per la mobilitazione della diaspora, le idee di impresa più interessanti, innovative e sostenibili verranno riproposte per promuovere un matching con le capacità di investimento nel Paese di origine dei senegalesi che vivono in Italia con la collaborazione dei partner OXFAM e AMS.

Condivido sui social media!