INNOVA CUBA: Fabrica Creativa, uno spazio per i giovani creatori a disposizione della salvaguardia e valorizzazione del patrimonio storico e culturale dell’isola

di Federico Mei, coordinatore ARCS a Cuba

I Sarrà erano dei farmacisti spagnoli che si trasferirono a Cuba a meta del XIX per cercare fortuna. Nel corso di 3 generazioni si trasformarono nei più grandi farmacisti di Cuba e del Sud America lasciando in eredità anche splendide mansioni e edifici di importanza patrimoniale, come la splendida villa nel quartiere Vedado che oggi accoglie il Ministero Cultura Cubano, o il complesso dove sorge la farmacia “La Réunion”, all’Avana Vecchia, la prima aperta a Cuba. Oggi la farmacia Réunion è stata trasformata nel Museo della Farmacia e l’edificio principale dove sorge, è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’umanità.

Una parte di questo complesso, un grande edificio dei primi del ‘900 (foto) adibito a laboratorio e magazzino della farmacia e situato nel cuore dell’Avana Vecchia all’incrocio tra calle Tenente Rey e calle Habana, è oggi stato assegnato dalla OH – Oficina del Historiador per la realizzazione della Fabrica Creativa.

La Fabrica Creativa, lo dice lo stesso nome, diventerà un grande laboratorio di idee dove giovani creatori di varie discipline avranno a disposizione spazi, equipaggiamenti e assistenza tecnico/legale per dare vita alla loro impresa creativa.

Si tratta di fatto di un incubatore di imprese giovanili nel settore dell’arte e della creatività collegata alla valorizzazione del patrimonio. Ma anche di un centro culturale e uno spazio per le attività comunitarie che rivitalizzerà una parte dell’Avana Vecchia ancora poco toccata dagli interventi di restauro.

INNOVA CUBA, progetto dove la promozione di figure professionali non statali nel settore del restauro e della valorizzazione del patrimonio è uno dei 3 assi portanti dell’intervento, si occuperà di allestire e far funzionare 3 laboratori/spazi creativi direttamente coinvolti nell’azione di valorizzazione del patrimonio, come la produzione di materiali e contenuti per il “Centro di Orientamento e informazione al Turismo” ma non solo, tra cui:

  • Audiovisuale per la produzione di spot, video, documentari che promuovano le ricchezze culturali dell’isola
  • Produzione di APP per apparati mobili da destinare alla promozione del turismo culturale come mappe interattive, realtà aumentata ecc.
  • Disegno tecnico e comunicazione, per la realizzazione sia di materiali comunicativi sia di oggetti di design.

I tre laboratori, che funzioneranno con il meccanismo delle borse di studio, saranno poi affiancati da un ufficio amministrativo/legale che avrà la funzione di accompagnare i giovani, attraverso formazione e consulenza, a sviluppare vere e proprie iniziative imprenditoriali, e quindi creazione di posti di lavoro, attraverso i meccanismi del cooperativismo o del cuentapropismo (lavoro in proprio), oggi permessi dalla legge.

Mentre è già in atto l’azione di recupero della struttura, che sarà completata nel corso del 2018, si sta affrontando la fase di definizione di aspetti come la governance dello spazio, i meccanismi di accesso o la sua sostenibilità, elementi di primaria importanza per il successo dell’iniziativa.

Condivido sui social media!