Libano: a teatro per parlare di rapporti familiari

di Cecilia Trevisan

Sabato scorso, cinque attori del Permanent Theatre di Hermel, nella valle della Bekaa, in Libano hanno messo in scena nella Second Intermediate Public School di Hermel una pièce teatrale rivolta a 45 studenti e 5 insegnanti.

L’evento fa parte delle attività di sensibilizzazione organizzate nell’ambito del progetto realizzato in partenariato tra le due ong italiane COOPI e ARCS, “ScEGLI: Scuole ed Educazione in Libano e Giordania” finanziato dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

L’opera teatrale è stata utilizzata come strumento di intrattenimento e come campagna di sensibilizzazione sull’importanza dei legami familiari, sottolineando come onestà, lealtà e sincerità tra i bambini e i loro genitori siano elementi fondamentali sia per il benessere dei minori che per il nucleo familiare. Inoltre, la rappresentazione ha messo in luce in chiave comica come alcuni cattivi comportamenti degli adolescenti possano avere effetti collaterali sia in ambito familare che nella comunità. Gli attori, infine, durante la performance hanno anche rappresentato in maniera comica alcune buone pratiche per risolvere i problemi tra i bambini e i loro familiari.

L’evento è stato molto apprezzato sia dagli studenti che dal personale docente e non: momenti di condivisione e riflessione di questo tipoche contribuiscono al benessere dei minori e della comunità e alla promozione della scuola come luogo d’apprendimento trasversale, sono infatti rari in un contesto come quello di Hermel.

Condivido sui social media!