Il bilancio sociale nel futuro del Terzo settore: non solo una questione di accountability

di Aurora Occhiato

Lo scorso 20 aprile il Consiglio Nazionale del Terzo settore ha approvato, in occasione della sua terza seduta, le linee guida per la redazione del bilancio sociale per gli Enti del Terzo settore. Con il documento presentato in bozza a febbraio diventa definitivo, sulla base di quanto previsto dal Codice del Terzo settore (D.Lgs. 117/2017) e del D.Lgs. 112/2017 sull’impresa sociale, l’obbligo di presentazione di un bilancio sociale da parte di tutti gli Enti di Terzo settore che abbiano un bilancio superiore a un milione di euro e di tutte le imprese sociali incluse le cooperative sociali.

Il bilancio sociale viene inteso come simbolo di trasparenza e documento essenziale per riflettere e comunicare l’impatto sociale delle proprie attività in sintonia con i principi contenuti nella riforma del terzo settore che insistono sull’importanza della trasparenza e della rendicontazione.

Dal passato e dalle linee guida del 2011 si eredita quindi la sostanza del principio di Accountability inteso come fusione dei due concetti di trasparenza e compliance ma auspicando inoltre che il bilancio sociale possa diventare veicolo di informazioni ulteriori rispetto a quelle meramente economiche e finanziarie e strumento di riflessione sul proprio operato.

Le linee guida definiscono contenuti minimi, principi e modalità di redazione del documento, invitano ad allargare la potenziale rosa di destinatari, diventano più puntuali nel rilevare la necessità di definire con chiarezza la propria governance e compiti di monitoraggio dell’organo di controllo.

Infine, “il bilancio sociale dovrà essere approvato insieme al bilancio di esercizio dall’organo statutariamente competente, dopo essere stato esaminato dall’organo di controllo che lo integrerà con le informazioni sul monitoraggio e l’attestazione di conformità alle linee guida”.

Muove dalle stesse considerazioni e con uguali obiettivi di fondo il tavolo di lavoro organizzato dal Forum del Terso Settore che si sta dedicando alla sperimentazione delle Linee Guida per un Codice di Qualità e Autocontrollo (CQA) degli Enti di Terzo Settore. Misurazione, definizione di indicatori e molto altro ancora sono i temi attorno ai quali muovono il dibattito e le sfide del futuro.

Condivido sui social media!