Carceri libanesi: il progetto entra nel vivo

di Fabio Vitali

É terminata la fase preliminare di organizzazione operativa con le controparti locali AJEM e MS del progetto Droit promosso e diretto da ARCS per migliorare le condizioni dei detenuti nelle carceri libanesi di Roumieh e Barber el-Kazhen.

Con la selezione del personale locale impiegato per le attività di assistenza legale e psico-sociale e la relativa definizione dei loro incarichi, e di quello amministrativo gestionale l’inizio dei primi gruppi d’attività all’interno delle carceri è imminente.

Già eseguita anche la prima fase dell’indagine, fra i detenuti, per l’individuazione delle materie su cui verteranno le sessioni di training professionale all’interno delle carceri.

Contemporaneamente sono state avviate le prime interlocuzioni per la formazione del  Consiglio d’Amministrazione del progetto che vede protagonisti i Direttori delle carceri come membri permanenti assieme ai Coordinatori locali delle attività delle controparti AJEM e MS ed al Capo Progetto di ARCS.

Condivido sui social media!