SENEGAL: una squadra per nutrire la terra

di Calogero Messina

DOUNDAL SOUFF – Nutrire la Terra, questo é il nome in lingua wolof che i beneficiari del villaggio di Nguith, un villaggio del Sahel senegalese nella provincia di Linguere, hanno voluto dare al progetto.

Nutrendo la Terra nutriamo la vita, gli uomini, gli animali e le piante che sulla terra vivono legati insieme nello stesso ecosistema. Nutrendo la Terra nutriamo tutti i figli della Terra.

Con questo meraviglioso messaggio e questa speranza nel cuore continuano vivaci le formazioni e le attività agricole nel villaggio di Nguith per trasformare 45ha di deserto in una fattoria integrata, ecologica e produttiva che contribuirà a migliorare la qualità di vita della popolazione residente, producendo frutta e verdura fresca e avviando delle microimprese di trasformazione dei prodotti agro-forestali a beneficio delle donne e degli agricoltori beneficiari del progetto SOUFFSOstegno e cosvilUppo per il raFForzamento della comunità di Linguère, progetto di sviluppo rurale cofinanziato dalla Cooperazione Italiana e messo in esecuzione nella provincia di Linguère da ARCS in partenariato con l’associazione locale G.I.E. Le Djolof.

Permacultura ed agroecologia, conservazione del suolo, lotta alla desertificazione, miglioramento del foraggio per gli animali da pascolo, orticoltura irrigata con sistemi a goccia, alberi da frutto, lavorazione della gomma arabica, allevamento di ovini, trasformazione e conservazione di prodotti orticoli freschi, produzione di burro d’arachidi e noccioline tostate dolci e salate…. queste alcune delle attività che l’agro-ecologo Roberto Salustri, partner tecnico della RESEDA onlus e Direttore tecnico della Fattoria Agro-ecologica SOUFF sta introducendo nel contesto del progetto, nel bel mezzo dell’arido e caloroso deserto del Sahel senegalese.

In questo momento le govani produttrici di Linguere stanno ricevendo una formazione agricola coordinata dall’agronomo Fatoumata Sow, per produrre insalate, pomodori, peperoni, fagiolini, melenzane, gombo ed altri prodotti agricoli facendo fiorire di nuova vita aride steppe desertiche e sabbiose, con l’aiuto di compost prodotto in loco convertendo e recuperando la materia organica derivata da deiezioni e sottoprodotti del bestiame, dalla biomassa vegetale presente come sterpaglie e rami secchi frantumati e da rifiuti organici di origine domestica.

L’agroecologo Roberto Salustri sta formando le produttrici locali sulle tecniche di permacultura e agroecologia per migliorare la qualità del suolo e favorire la rinascita della terra, ricostituendo un ecosistema locale e migliorando la produzione e la qualità della vita delle popolazioni residenti.

Gli animatori locali Abdou Coundoul e Ramata Coundoul sono molto attivi nel sensibilizzare la popolazione locale sull’importanza di conservare il suolo, usare solo fertilizzanti e pesticidi biologici (prodotti in loco), usare le tecniche introdotte di fertilizzazione e pacciamatura, la tecnica Zai per la piantumazione degli alberi su suoli aridi, la semina attraverso il metodo delle palline di semi avvolte in argilla (Metodo Fukuoka), e altre tecniche innovanti introdotte da Roberto Salustri che permetteranno di ricostruire nuovo suolo e di trasformare in u’ oasi verde un angolo di deserto.

Diversi esperti di ISRA (Instituto di Ricerca Agronomica del Senegal) stanno formando le giovani produttrici di Linguere sulle tecniche di piantumazione in vivaio; l’esperto in gomma arabica, Djim Momar Kebé, sta formando un gruppo di 15 giovani sulle tecniche di produzione, raccolta, confezionamento e commercializzazione di gomma arabica, preziosa resina che si ricava dalla Acacia Senegalensis, albero tipico delle zone aride e pianta autoctona del Sahel senegalese; l’Azienda Senegalese di Servizio per le Imprese – ERACEL sta formando 15 giovani, uomini e donne, sulla creazione e gestione di una microimpresa, sviluppando dei business plan individuali per ogni microimpresa sulla base dei bisogni locali, per aiutare i giovani imprenditori locali a sviluppare il loro commercio di carni, polli, prodotti agricoli e prodotti trasformati al fine di apprendere a calcolare i costi di produzione e definire i costi di vendità e le più opportune strategie di commercializzazione sui mercati nazionali.

Lo staff locale del progetto é coordinato dal refernte locale Touty Coundoul, Presidente dell’associazione G.I.E. Le Djolof, supportato dall’aiuto logistico di Gora Mbow e dall’assistente di amministrazione Rama Coundoul.  Una bellissima equipe locale motivata e dinamica che con la cooperazione di ARCS – ARCI Culture Solidali si é posta il grande obbiettivo di contribuire a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni locali residenti à Linguere e nel villaggio di Nguith, ridare fertilità al suolo, rallentare l’avanzata del deserto e far rifiorire la vita nel cuore dell’arido Sahel senegalese.

DOUNDAL SOUFF ! Nutrendo la Terra Nutriremo la Vita!

Condivido sui social media!