“Social Stability”: Inaugurato il sistema di raccolta differenziata a Chawaghir

di Elisa Piccioni

Nell’ambito del progetto “Social Stability: creazione di opportunità d’impiego temporaneo in Libano”, co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo-AICS, si è realizzato ieri presso la Municipalità di Chawaghir, nel nord della regione della Bekaa, l’evento di inaugurazione del servizio urbano di raccolta differenziata.

Il miglioramento dei servizi di nettezza urbana, è una delle iniziative del progetto, volte a rafforzare le infrastrutture della municipalità attraverso il coinvolgimento di persone vulnerabili, di cui la metà provenienti dalla Siria, in un programma di Cash for Work. Oltre 309 beneficiari, sono dunque stati impegnati per 36 giorni in iniziative in lavoro utili per la comunità, tra le quali pulizia e manutenzione degli spazi pubblici, messa in sicurezza di strade e campagne di sensibilizzazione.

L’iniziativa ha previsto l’acquisto di un mezzo compattatore per la raccolta dei rifiuti urbani e di cassonetti per la creazione di 40 isole ecologiche. Attraverso una campagna di sensibilizzazione per la gestione responsabili dei rifiuti domestici portata avanti dalle donne beneficiare del progetto, sono inoltre stati distribuiti oltre 400 kit domestici alle famiglie del luogo.

Inoltre, alcuni esercizi di ristorazione e famiglie del luogo hanno accettato di essere coinvolti in iniziative pilota per la realizzazione di compost, attraverso la creazione di fosse domestiche di compostaggio che permetteranno di sperimentare l’utilizzo di fertilizzanti naturali e non chimici.

Per la municipalità si tratta di un progetto pilota e ambizioso, il primo nel distretto di Hermel, volto ad avviare un sistema virtuoso di riduzione, riuso e riciclo dei rifiuti, con lo scopo finale di promuovere e proteggere le risorse naturali dell’area dalla presenza dei rifiuti che minacciano gran parte del territorio libanese

L’economia di Chawaghir, piccolo paesino al confine della Siria, si basa infatti sulle risorse turistiche nate sulle sponde del fiume Assi, che nelle parole del sindaco rappresenta ‘una delle poche oasi naturali non ancora inquinate del Libano, da proteggere prima che i danni della presenza dei rifiuti diventino difficili da riparare”.

All’inaugurazione hanno partecipato rappresentanti della Municipalità di Chawaghir, delle autorità locali, inclusa l’Unione delle Municipalità, e di AICS.

Condivido sui social media!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *