fbpx

Situazione in Libano: l’intervista a Giuseppe Cammarata

“Improvvisamente il palazzo ha tremato, sembrava un terremoto. Abbiamo sentito un boato spaventoso: con le altre persone che sono con me ci siamo riparati in un luogo sicuro, poi siamo scesi in strada e abbiamo capito quello che era successo”. E’ la testimonianza all’AdnKronos di Giuseppe Cammarata, rappresentante in Libano di Arcs Culture Solidali.

Il risveglio di Beirut dopo la catastrofe

di Giuseppe Cammarata – Al momento le vittime accertate sono oltre 100, ben più di 4.000 i feriti e si contano circa 100 dispersi. Le scuole sono state aperte per offrire riparo e ricovero a chi ha avuto la casa danneggiata dall’esplosione, ed il governo ha deliberato di supportare con ogni mezzo gli ospedali cittadini, già pieni di pazienti affetti da COVID-19

Alimenta la solidarietà

In questi giorni di crisi, troppe persone non riescono ad acquistare beni di prima necessità.
Famiglie con figli piccoli, anziani, senzatetto, disabili, disoccupati, cassa integrati, liberi professionisti, migranti pagano il prezzo più alto