Adduzione e distribuzione di acqua potabile a Kouma

Il progetto

Finanziatore: 8 x 1000 Chiesa Valdese

Descrizione:

Kouma è un quartiere periferico del villaggio di Bankondji, Camerun, infossato in una zona di foresta umida di difficile accesso e, fino a non molto tempo fa, del tutto privo di acqua potabile. La popolazione usava l’acqua degli stagni circostanti anche per bere sviluppando diverse malattie legate al consumo di acqua non potabile (parassitosi, amebiasi, tifoidi, etc.) che colpiscono in modo molto grave i bambini e i soggetti più vulnerabili.

Sin dal 2016 lo staff tecnico di ARCS, impegnato nella ristrutturazione dell’impianto idrico di Bankondji che però non includeva il quartiere di Kouma, ha realizzato delle missioni sul campo per identificare soluzioni che permettessero di migliorare le condizioni di vita e la salute della popolazione.

È stata così individuata una sorgente produttiva al fine di concepire un sistema autonomo di distribuzione di acqua potabile, disegnarne gli schemi esecutivi e calcolare i costi di realizzazione.

Grazie al contributo dell’otto per mille valdese è stato realizzato un sistema autonomo d’adduzione e distribuzione d’acqua potabile che serve tutto il quartiere periferico di Kouma e rende la popolazione del quartiere (circa 1.000 persone) autonoma nell’approvvigionamento di acqua potabile.

È stata captata una sorgente in montagna, realizzato un filtro lento biologico attraverso il quale viene fatta passare l’acqua, che viene condotta per gravità in un bacino di raccolta dove viene trattata per renderla potabile attraverso un sistema OSEC (on-site electrolytic chlorination) alimentato da pannelli fotovoltaici.

Si tratta di un impianto a impatto ambientale zero: il cloro prodotto decade entro 10 giorni e la produzione può essere fatta direttamente in loco dal personale locale a partire da una soluzione di acqua e sale marino (il comune sale da cucina).

Dopo il trattamento l’acqua raggiunge 4 fontane pubbliche che alimenteranno la scuola e la popolazione residente nel quartiere di Kouma.

Il progetto ha realizzato con successo tutte le delle attività previste, coinvolgendo la popolazione del quartiere nella presa di responsabilità in merito alla gestione dell’impianto idrico.

Il Ce.Po.Bank, comitato di gestione dell’acqua di Bankondji, struttura creata nell’ambito del progetto più ampio nel quale la presente iniziativa si inserisce, garantirà l’expertise necessaria per tutto ciò che concerne la manutenzione ordinaria e straordinaria della rete idrica indipendente di Kouma. Da un lato un sistema efficiente che permette a tutti di accedere a una fonte di acqua potabile, dall’altro un sistema organizzativo che, su base comunitaria, permette la gestione dell’impianto e la presenza sul campo delle competenze necessarie per la sua manutenzione.

Un piccolo passo per il raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile 6: Garantire a tutti 'accessibilità e la gestione sostenibile dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari.

Aggiornamenti dal Camerun

  • Camerun: gli incontri di calcio del progetto ENTER

    Camerun: gli incontri di calcio del progetto ENTER

    di Matteo Saraceno - Per gli studenti del politecnico, realizzato nell'ambito del progetto ENTER, i due incontri organizzati tra le due classi parallele di Dschang e Bangang è stata un'occasione di festa e scambio.
  • ENTER: continua la formazione nelle scuole

    ENTER: continua la formazione nelle scuole

    di Matteo Saraceno - L'obiettivo è coinvolgere circa 3000 giovani, cominciando dagli istituti presenti nei territori in cui verranno costruiti i sistemi idrici e proseguendo poi con tutti gli altri plessi dell'area
  • Le donne del progetto ENTER

    Le donne del progetto ENTER

    di Marta Cappiello - Gli “Agenti di sviluppo per l’acqua” del progetto ENTER saranno donne: sono loro che per prime, insieme ai bambini, si occupano dell’acqua nelle famiglie camerunesi
  • Didattica per competenze nella scuola di ENTER

    Didattica per competenze nella scuola di ENTER

    di Michele Pagano - Sono settimane di intenso lavoro per l'equipe congiunta di ARCS ed ACREST: mentre da un lato si corre contro il tempo per le rifiniture delle aule e degli alloggi degli studenti del politecnico, dall’altro sono stati selezionati i docenti per la formazione degli ‘agenti di sviluppo per l’acqua potabile’.
  • ENTER e la giornata dell’albero di Bangang

    ENTER e la giornata dell’albero di Bangang

    di Marta Cappiello - La seconda giornata dell’albero del villaggio Bangang, organizzata dal nostro partner locale ACREST, si è tenuta al liceo di Nzindong, quasi in cima al mont Bamboutos.