Il progetto

In Cameroun, nel villaggio di Bankondji, nel cuore della verdeggiante regione dell’ovest, ARCS, in partenariato con l’associazione locale Codebank 2000 (Comitato di sviluppo di Bankondji), ha avviato un progetto finanziato nel 2012 dalla Delegazione dell’Unione Europea a Yaoundé, che mira a fornire alla popolazione del villaggio un sistema di approvvigionamento di acqua potabile (risorsa a cui il villaggio non ha ancora accesso) alimentato da pannelli fotovoltaici e, parallelamente, a creare, attraverso dinamiche partecipative che coinvolgano la comunità a tutti i livelli, un comitato di autogestione  della risorsa idrica.

L’iniziativa nasce dalle attività che ARCI Roma svolge con le comunità migranti presenti sul territorio della capitale. In particolare da una collaborazione con l’Associazione di Ingegneri Africani di Roma nell’ambito del progetto “Migranti per lo sviluppo” finanziato dal Ministero degli esteri, che si è nel tempo consolidata attraverso il coinvolgimento delle comunità migranti nel lavoro di progettazione dell’associazione.

L’azione è stata avviata a ottobre 2012 con il coinvolgimento di una serie di attori sia camerunensi (istituzioni  pubbliche locali ed enti di gestione del territorio) che italiani, tra cui l’ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile e l’ONG Halieus, specializzata nel settore ambientale, che, come in altri interventi realizzati in collaborazione con ARCS, daranno il loro prezioso contributo nei settori specifici di competenza.

Si tratta di un progetto per noi particolarmente stimolante, di una sfida che abbiamo deciso di cogliere, in quanto si prevede, oltre alla realizzazione delle opere necessarie al recupero del sistema idrico costruito negli anni ’80 a Bankonji senza alcun coinvolgimento della popolazione locale, con la diretta conseguenza del progressivo abbandono dell’impianto stesso, di lavorare con la comunità locale per stimolare, attraverso la partecipazione e il coinvolgimento continuo, un processo di rafforzamento e presa di coscienza delle proprie capacità e responsabilità. Alla fine del progetto infatti una struttura di gestione sarà formalmente istituita e sarà in grado di provvedere tanto alla manutenzione del sistema, quanto all’amministrazione di un budget che consisterà nel contributo economico del partner locale e progressivamente di ciascuna famiglia, rendendo così l’intervento sostenibile nel lungo periodo.

Il contesto

Gli abitanti del villaggio sono circa 5.000, e l’economia locale è prevalentemente basata sull’agricoltura. I Bankondji attualmente si riforniscono di acqua presso stagni o ruscelli in zone limitrofe al villaggio, ma ciò implica che donne e bambini (di solito sono loro ad occuparsi dell’approvvigionamento di acqua)  debbano ogni giorno camminare per 3 o 4 km e siano esposti a tutti i rischi derivanti dal consumo di acqua non potabile: l’incidenza di malattie quali tifo e colera in questa zona è molto alta.

Ecco perché Arcs ha deciso di intervenire in questa zona dove un contesto socio culturale caratterizzato da grande povertà, ma anche dalla ferma volontà della popolazione di avviare, a partire da questa rete idrica, una serie di interventi  futuri che possano garantirne lo sviluppo e la conseguente valorizzazione del patrimonio culturale. Oltre a migliorare le condizioni sociosanitarie del villaggio, infatti, l’accesso diretto all’acqua potabile diventerà uno strumento per avvicinare la collettività e responsabilizzarla su un bene comune che deve essere mantenuto e salvaguardato. Da quest’esperienza altre ne potranno scaturire, sulla base delle buone pratiche apprese.

L’azione ha successivamente ricevuto finanziamenti supplementari (settembre 2013) sia dalla Chiesa Valdese che dal MAE-DGCS. Quest’ulteriore contributo ci permetterà di seguire da vicino i primi mesi di funzionamento del sistema idrico e di gestione autonoma da parte della comunità locale, e di poter intervenire a supporto della comunità.

Inoltre, durante il periodo dicembre 2013-gennaio 2014, sarà organizzato un campo di lavoro finalizzato alla conoscenza della comunità di Bankondji e allo scambio reciproco che arricchisca l’esperienza della comunità locale e dei volontari che parteciperanno all’iniziativa.

L’impegno di ARCS in Cameroun continua inoltre con la nuova progettazione in corso, finalizzata a supportare l’economia del distretto di Bafang: un nuovo progetto sulla valorizzazione della filiera del caffè e sulla promozione del lavoro dignitoso è stato presentato all’UE. La valutazione è in corso.

Mappa

camerun_map

 

Aggiornamenti

  • L'acqua potabile di Bankondji un anno dopo Posted on: Jun 18th, 2018

    di Michele Pagano di Melito – A Bankondji, a circa un anno dalla fine del progetto di ARCS, il CEPoBank (Comité Eau Potable de Bankondji) è pronto a fare un primo bilancio delle attività e rinnovare le cariche del Consiglio Direttivo.

  • Acqua potabile di Bankondji: un sogno diventato realtà Posted on: Mar 16th, 2017

    (di Calogero Messina) - Il progetto nasce da una storia appassionante. Comincia da un ragazzo di Bankondji, Serge Noubondieu, un camerunese che riesce a completare i suoi studi in Italia dove diventa ingegnere esperto in sistemi fotovoltaici e trova lavoro nel settore

  • Delegazione dal Camerun in Italia Posted on: Jul 20th, 2016

    di Federica D'Amico
    Dal 24 al 31 luglio accompagneremo una delegazione di nostri colleghi dal Camerun per una visita studio nell’ambito del progetto di “Rafforzamento delle capacità di autogestione dei processi di sviluppo a livello locale”, iniziativa cofinanziata da MAECI, UE, Regione Marche, Tavola Valdese e che ha visto il contributo anche di tanti privati.

  • Camerun: inaugurata la rete idrica di Bankondji Posted on: May 6th, 2016

    Si è tenuto il 15 aprile scorso nel villaggio di Bankondji , alla presenza dell’Ambasciatrice dell’UE e del vice Ambasciatore italiano in Camerun, la cerimonia di inaugurazione della rete idrica locale costruita negli anni ’80, caduta poi in disuso e riabilitata grazie ad un progetto gestito da ARCS

  • Adotta una fontana! Posted on: Dec 17th, 2015

    Grazie al tuo contributo la popolazione di Bankondji potrà accedere l'acqua potabile. Il sistema sarà completamente autosufficiente e sostenibile grazie all'utilizzo di energie rinnovabili e al totale coinvolgimento della popolazione

  • Ciao Giovanni Posted on: Nov 2nd, 2015

    ARCS esprime le più sentite condoglianze alla famiglia per la scomparsa dell'amico Giovanni Del Signore.

  • Di ritorno dal Camerun Posted on: Jan 20th, 2015

    Per capire l’Africa subsahariana e penetrare nella sua essenza non esistono mezze misure. Il contatto diretto con le sue genti, caratterizzate da culture cosi varie e complesse, e la sua natura tanto lussureggiante quanto pericolosa e dura, è ineludibile.

  • A Bankondji interviene anche il MAE Posted on: Jun 25th, 2014

    Lo scrosciare della piaggia sulla veranda mi distoglie dai documenti che sto leggendo. Alzo lo sguardo e vedo la terra rossa che a contatto con l’acqua acquista un colore più scuro.

  • Tre nuovi impegni per ARCS Posted on: Sep 26th, 2013

    Due nuovi progetti presentati da ARCS sono stati approvati nell’ultimo bando promosso dalla DGCS MAE. Il primo in Colombia, il secondo in Camerun.

  • Giornate dell'acqua a Bakondji, Camerun Posted on: Aug 27th, 2013

    Luca Ventura, nostro cooperante in Camerun ci racconta l'iniziativa delle "Giornate dell'acqua" organizzate a Bakondji in Camerun

  • Continua il nostro impegno in Camerun Posted on: Jun 5th, 2013

    Si è svolta la prima visita di monitoraggio dei referenti della delegazione dell’UE a Yaoundè sul progetto gestito da ARCS e Codebank a Bankondji, villaggio nel distretto di Bafang, in Camerun.

  • Un cooperante a Bafang, la ville lumiere d’Africa… Posted on: May 6th, 2013

    Contributo di Luca Ventura, cooperante in Cameroun. Bafang è un piccolo centro a quattro ore da Yaounde, tre da Douala e una da Baffoussam, le tre città maggiori del Camerun. 1000 metri di quota in mezzo alle montagne, circa 20mila abitanti, un grosso mercato, due hotel, ben cinque stazioni di benzina

  • In partenza per il Camerun. Aspettative di un cooperante Posted on: Oct 17th, 2012

    Luca ci racconta le sue aspettative alla viglia della partenza per il Camerun.

  • Acqua potabile e partecipazione: una sfida per Bankondji (Camerun) Posted on: Sep 16th, 2012

    In Camerun, nel villaggio di Bankondji, nel cuore della verdeggiante regione dell’ovest, ARCS, in partenariato con l’associazione locale Codebank 2000 (Comitato di sviluppo di Bankondji), sta avviando un progetto finanziato dalla Delegazione dell’Unione Europea a Yaoundé, che mira a fornire alla popolazione del villaggio un sistema di approvvigionamento di acqua potabile