L’aria di Cuba profuma di cultura

di Linda Zambelli – A Cuba un gruppo di artisti può salire su un ‘camion’ insieme a mezzo porco e una dozzina di polli congelati (le cene della settimana), farsi sballottare e sobbalzare per le dissestate e difficili strade dei monti dell’Escambray, dormire sul pavimento e lavarsi con acqua fredda, solo per promuovere la cultura anche nei pueblitos delle montane.

Bandiere

di Silvia Gabbatore – La bandiera nazionale, qui a Cuba, è presente in moltissimi luoghi, molto di più che in Italia. L’unico altro paese da me visitato che compete con Cuba (e probabilmente la supera) in termini di ossessione per la propria bandiera è Israele, dove la stella di Davide appare davvero in ogni angolo, oggetto e casa dei quartieri e delle colonie israeliane.

In Libano tra bandiere, strade e relazioni

Le bandiere sono per eccellenza un simbolo, ed in arabo la parola bandiera, 3lam, significa anche simbolo. Questo e’ certo un dato di fatto, e se vogliamo, uno molto scontato. Qui in Libano pero’ mi sono soffermata a pensare a questo alto valore simbolico, non a caso: non ho mai visto cosi’ tante bandiere nella mia vita.

A Beirut con un training AIDOS per formare giovani operatori su resilienza e violenza di genere

di Ilenia Careddu – Cosa succede se parliamo di gender in Libano? E se parliamo di violenza di genere? In italia sino a pochi mesi fa si parlava addirittura di una teoria gender su tutti i giornali, e l’argomento ha causato non poco dibattito pubblico, oltre a manifestazioni di piazza