“Quella israeliana non è una “dura reazione” ma piuttosto un’offensiva indiscriminata”.

L’Associazione Arci diffonde questo comunicato ricevuto dai cooperanti italiani presenti a Gaza, sostenendo con la forza della ragione l’immediata richiesta di cessazione delle ostilità: l’escalation di violenza degli ultimi giorni colpisce la popolazione civile e pregiudica gravemente la possibilità di tenere vivo qualsiasi dialogo per un processo di pace.

L’ANSPS condanna il rapimento dei tre cooperanti nei campi profughi sahrawi

L’Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Sahrawi condanna fermamente il rapimento dei tre cooperanti della solidarietà internazionale, nei campi profughi sahrawi nei pressi della città di Tindouf in Algeria nella notte tra sabato 22 e domenica 23 ottobre. Si tratta di Rossella Urru, della Ong italiana CISP, di Ainoa Fernandeez de Rincón, spagnola dell’Associazione

Decreto Missioni e Legge di stabilità: continua la demolizione sistematica del terzo settore

COMUNICATO STAMPA CINI Roma, 16 Luglio 2011 – Il CINI, Coordinamento Italiano Network Internazionali, denuncia i continui attacchi alle ONLUS e dunque anche alla Cooperazione allo Sviluppo. “Il Terzo Settore ed i valori che esso rappresenta, continuano ad essere sotto attacco da più parti” denuncia Maria Egizia Petroccione, Coordinatrice del CINI. “In questi anni si

PROROGA DELLE MISSIONI INTERNAZIONALI Quattro commenti al D.L. n. 107 del 12 luglio 2011

INTERSOS commenta il decreto missioni. Ospitiamo sul nostro sito le considerazione della Ong. PROROGA DELLE MISSIONI INTERNAZIONALI. Quattro commenti al D.L. n. 107 del 12 luglio 2011 1. L’INGANNO DEL TITOLO DEL DECRETO LEGGE Dato il rapporto degli stanziamenti finanziari contenuti nel Decreto Legge: 1,5% per la cooperazione civile e 98,5% per la componente militare,

Annullati con un colpo di mano volontari e cooperanti della Cooperazione internazionale

COMUNICATO STAMPA ASSOCIAZIONE ONG ITALIANE. Approfittando dell’importante decreto di proroga delle missioni militari internazionali, mentre l’attenzione di tutti gli osservatori era concentrata sulla manovra finanziaria, il governo ha introdotto di soppiatto due articoli che eliminano le figure dei volontari e dei cooperanti previsti nella legge 49/87 sulla cooperazione, disarticolandola e compromettendo perfino la continuità dei