Riprendono le partenze dalla Libia e i naufragi: 34 morti in due giorni

(da Internazionale.it) – “La nave Cantabria ha partecipato a quattro operazioni di soccorso: tre gommoni e un barchino di legno”, spiega il portavoce dell’Unhcr. I sopravvissuti hanno riferito che il mare era molto mosso e per questo alcune persone sono cadute in acqua. “Sono state recuperate 23 salme da un naufragio e tre da un altro naufragio che si aggiungono alle altre otto salme che sono arrivate sabato al porto di Reggio Calabria. In tutto sono 34 morti”, aggiunge. Molto probabilmente ci sono dei dispersi, ma al momento non è chiaro di quante persone si tratti.

LIBIA. Ingerenze internazionali a Sabratha

(da nena-news.it) – L’azione di Italia e Europa mira a pacificare l’area per permettere la ripresa degli investimenti esteri e consentire di spostare il focus del problema migratorio dalla costa settentrionale alla costa meridionale del Mediterraneo. Il prezzo da pagare per questa futura stabilità rischia, però, di ricadere oggi sui migranti e sulla popolazione libica delle città di “confine”