Profughi, l’sos al quale l’Italia rispose “Chiamate Malta”. “Bugie e omissioni dietro ai 268 morti. Ma la Procura vuole archiviare”

(da il Fatto Quotidiano.it) – “Pur sapendo che c’era il rischio di naufragio, si è deciso deliberatamente di non intervenire”. E’ questa convinzione che spinge Mohanad Jammo e i suoi legali ad opporsi all’archiviazione proposta dalla Procura di Roma per il processo per il naufragio dell’11 ottobre 2013 a sessanta miglia a sud di Lampedusa

Fondo per l’Africa, “Basta con la guerra ai migranti sosteniamo le comunità”

(da repubblica.it) – L’appello dell’ARCS – Culture Solidali al governo italiano. L’Unione Europea, ha ribadito la volontà di utilizzare un approccio, tutto legato al tema della sicurezza, nella gestione dei flussi migratori. Il rischio che il Fondo serva per finanziare accordi con regimi e governi aggressivi e irrispettosi dei diritti umani: l’esempio dell’accordo UE-Turchia

Migrazioni: i rischi delle soluzioni nazionali

di Antonio Villafranca su ispionline.it
Gli attriti tra Italia e Austria sul Brennero rappresentano un ulteriore esempio dell’incapacità – o meglio, della mancanza di volontà – di affrontare il tema delle migrazioni a livello comunitario. La sensibilità politica del tema ha ormai convinto da tempo diversi leader europei che la risposta nazionale possa risultare più efficace di quella europea.

Migration compact. Caro Matteo, giusta la direzione ma ci vuole coerenza

di Francesco Petrelli (Concord Italia) e Andrea Stocchiero (Gruppo Immigrazione) su vita.it
In una lettera inviata al Presidente del Consiglio, la piattaforma delle ONG italiane Concord Italia commenta il migration compact valutando positivamente la centralità della dimensione esterna e strutturale nella gestione dei fenomeni migratori che toccano l’UE. Diritti umani e democrazia, violati nell’accordo UE-Turchia, vanno rispettati.