fbpx

OBIETTIVO:

L’obiettivo generale dell’iniziativa è di offrire la possibilità ai partecipanti di arricchire il proprio bagaglio culturale svolgendo attività ludiche e ricreative utili al progetto in corso, aumentando la consapevolezza e la conoscenza delle problematiche legate all’acqua nel contesto locale

L’obiettivo specifico è di elaborare dei documenti multimediali, foto e video, sul tema dell’acqua nel villaggio di Bankondji.

ATTIVITA’:

Il campo di lavoro prevede diverse attività tese a rendere l’esperienza completa e stimolante sotto diversi aspetti. In particolare, nei primi giorni è prevista la visita del villaggio di Bankondji e la conoscenza degli abitanti del posto, così come di sua maestà lo Chef tradizionale, mentre durante la settimana centrale è prevista l’elaborazione di un progetto video, foto e audio sul tema dell’acqua potabile nel villaggio di Bankondji (es. teatro, commedia, reportage, inchiesta, documentario, etc.). In alternativa è possibile proporre attività di teatro o di sensibilizzazione dei bambini.

PARTNER LOCALE:

Il partner locale è il comitato di sviluppo del villaggio di Bankondji, Codebank 2000. Il loro apporto al progetto è in termini di appoggio logistico e mobilitazione delle risorse umane in loco. Con poca esperienza in fatto di gestione di progetti, il Codebank è fortemente radicato nella realtà locale e conosce alla perfezione tutti i problemi del territorio. Il nostro partner è inoltre molto attivo e dinamico grazie agli sforzi del comitato direttivo, che può contare su una base molto ampia di membri del villaggio residenti in Camerun ed all’estero, vittime della diaspora. L’organizzazione ha fornito al villaggio le risorse per elettrificare una delle scuole materne, fornire banchi e costruire alcune classi per la scuola media del villaggio. I membri del Codebank hanno inoltre contribuito alla modernizzazione del locale centro di salute, il quale purtroppo ancora necessita di interventi per essere pienamente funzionale. Infine, sono stati proprio loro, attraverso l’iniziativa di un membro del comitato a contattare Arcs per riabilitare la rete idrica del villaggio, in disuso dal 1987.

PERIODO27 dicembre 2013 – 5 gennaio 2014

In Camerun, paese equatoriale e lussureggiante, esistono due stagioni: quella secca, che va da  Novembre a Maggio, e quella umida o delle piogge che copre i restanti mesi da Giugno ad Ottobre. La regione dell’Ovest, dove Arcs è attiva, non fa eccezione. Per questo motivo, anche in considerazione della disponibilità di vacanze nel periodo natalizio dei nostri ospiti/volontari, abbiamo pensato di proporre un soggiorno che vada dal 27 Dicembre 2013 al 5 Gennaio 2014. In questo periodo, infatti il clima secco e le vacanze scolastiche al villaggio, offrono le migliori condizioni per lavorare senza i disagi delle piogge torrenziali che durano tutto il periodo estivo.

LUOGO:

Bafang: capoluogo del distretto montano dell’Haut Nkam, è una cittadina operosa che conta circa 20 000 abitanti. Non offre molte distrazioni, ma è un tipico centro di commercio e scambio africano. Il grande mercato informale attrae una volta ogni 8 giorni (la settimana nella tradizionale Bamileké conta infatti 8 giorni) venditori e ambulanti da tutta la regione. La produzione agricola è prevalente ma si possono trovare anche manufatti tessili e di artigianato. Diverse chiese ed una moschea animano la vita spirituale del paese che, fatta eccezione per la brulicante strada principale e quella del mercato, somiglia più ad un grande villaggio che ad una città. Ciononostante, per chi volesse ancora scoprire i luoghi tipici di Bafang, esistono alcuni locali in cui si può ballare o sentire musica dal vivo.

Bankondji: il villaggio in cui si svolge il progetto si trova a 1400 metri d’altitudine in una posizione che domina tutta la valle del dipartimento dello Nkam, nelle giornate più chiare è possibile in certi punti scorgere i vulcani Manengouba e, in casi eccezionali, il Mont Cameroun.

Il villaggio conta circa 5 000 abitanti e si snoda su quattro assi principali. In effetti il centro del villaggio è un quadrivio da cui si raggiungono i quartieri periferici e la Chefferie tradizionale. Quest’ultima, sebbene abbia subito perdite enormi durante gli anni della colonizzazione e durante la guerra civile seguita all’indipendenza (alla quale il villaggio deve la sua organizzazione geografica), mantiene ancora intatta la foresta sacra e i luoghi tradizionali della cultura locale.

Il villaggio è principalmente dedito all’agricoltura e all’allevamento ovino. Si producono banane, caffè, peperoncino e cacao.

Il progetto opera per riabilitare la rete idrica ScanWater, chiamata come l’impresa scandinava che ha realizzato il sistema. Questa rete, inattiva dagli anni ’80, non ha mai veramente funzionato, lasciando il villaggio senza accesso all’acqua potabile. L’acqua viene attinta alle sorgenti, che spesso sono inquinate dai prodotti fitosanitari e dalla mancanza di un sistema fognario, ai ruscelli stagionali che scorrono al villaggio e ai rari pozzi a motricità umana. Le malattie connesse all’acqua non potabile hanno una forte incidenza al villaggio e spesso non vengono ricondotte al consumo dell’acqua. Anche per questo una squadra locale è attiva nella sensibilizzazione della popolazione, che sarà protagonista nella gestione diretta della rete idrica.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:

La quota di partecipazione è di 2000 euro e comprende viaggio aereo, spostamenti in loco, vitto, alloggio, assicurazione sanitaria e civile SISCOS (assicurazione per cooperanti e volontari in missione all’estero) e i costi di visto.

ALLOGGIO:

L’alloggio è previsto in un albergo, fornito di camere abbastanza confortevoli con bagno privato e di un ristorante con cucina africana ed europea.

LOGISTICA:(sacchi a pelo, dove mangeranno, cose da portare particolari ES. zanzariere)

Da portare:

  • Sacco-lenzuolo;
  • Zanzariera da viaggio;
  • Repellenti antizanzare;
  • Attrezzature video e foto (necessarie per svolgere le attività previste);
  • Vestiti comodi e scarpe da trekking/marcia;
  • Una giacca a vento ed una felpa per la sera;
  • Ogni altro farmaco o accessorio per l’igiene personale.