fbpx

02Dicembre2011 Afghanistan, il 30% della spesa militare in cooperazione civile

Condividi

“Afgana”, Tavola della pace e Rete Disarmo per la riconversione del risparmio che deriverà dal ritiro delle truppe italiane

La rete della società civile italiana « Afgana», col sostegno della Tavola della pace e della Rete Disarmo, chiede al parlamento italiano che, una volta avviato il ritiro del contingente militare, sia trasferito il 30% di quanto risparmiato nella spesa militare a investimenti di cooperazione civile. Chiede infine che anche le modalità di intervento e di spesa siano concordate in un forum tra il titolare dei fondi civili (il ministero degli Esteri) e la società civile e che il parlamento si impegni a rendersi garante delle scelte operative che ne emergeranno

Conferenza stampa
Venerdi 2 dicembre ore 12 Bibliothe, via Celsa 4/5 (Pza del Gesù)

Emanuele Giordana, Soraya Malek, Rete Afgana
Renato Sacco, Tavola della pace, Rete Disarmo

Sono stati invitati i parlamentari che maggiormente seguono l’Afghanistan

Bibliothe offrirà gentilmente un rinfresco a base di afghan palau e tè

Afgana
Tavola della pace
Rete Disarmo

Per info
www.afgana.org: via die banchi vecchi 58 Roma tel 06 68300619
Tiziana Guerrisi, responsabile relazioni esterne Afgana 3453145360
afgana07@gmail.com

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti