fbpx

14Maggio2012 [cooperazione] Forum della cooperazione internazionale 2012: si farà in autunno

Condividi

Scritto da Silvia Stilli, direttore ARCS

Nel mese di febbraio scorso l’Associazione Ong Italiane ha proposto al nuovo Ministro per l’integrazione e la cooperazione internazionale Prof. Andrea Riccardi di promuovere una Convention sul ‘destino’ della cooperazione italiana, per superare il ragionamento sulla scarsità di fondi e rileggere ruolo e funzione delle politiche di aiuto per lo sviluppo del nostro Paese. La legge 49 che regola l’intervento italiano in materia sotto l’egida del Ministero Affari Estri è assai ‘datata’. Molteplici ma vani sono stati i tentativi di riformarla o attualizzarla;i dissidi tra forze politiche nel Parlamento e alcune resistenze all’interno del corpo diplomatico hanno bloccato iter di disegni di legge parlamentari o decreti-delega del Consiglio dei Ministri: se pure con riserva, il mondo non governativo e una parte anche delle realtà istituzionali decentrate avevano auspicato che con l’ultimo Governo Prodi, Ministro degli Esteri in carica Massimo D’Alema, la proposta di legge delega e l’istituzione dell’Agenzia per la cooperazione allo sviluppo portassero a qualche risultato importante. In quell’occasione l’obiezione più rilevante venne proprio dai parlamentari dei partiti di Governo, affezionati a percorsi di riforma che mettessero insieme anime trasversali in un accordo con l’opposizione. Oggi il percorso si sta riprendendo, dopo il silenzio berlusconiano, esattamente da quel punto: molte ong, sicuramente quelle derll’Associazione Ong Italiane, sono scettiche sull’efficacia delle trattative parlamentari e non sono del parere di mantenere la struttura conosciuta come ‘Legge Tonini’, dal nome del parlamentare del PD che l’ha portata avanti. anche quel lavoro è oggi ‘datato’, il contesto internazionale di riflessione sull’efficacia dell’aiuto, la forza con cui attori sociali nei Sud e Nord del mondo introducono nuovi elementi di analisi, nuove pratiche e nuove emergenze nelle pratiche di cooperazione e solidarietà internazionale, tutto questo pone altri obiettivi, orizzonti al partenariato, istituzionali e tra comunità, chiede cambiamenti radicali dello stesso concetto di diplomazia. Le nuove democrazie, spesso fragili, la questione degli immigrati, la mobilità sociale globale e le nuove sfide della sostenibilità ambientale, la crisi mondiale nel suo cpomplesso e i nuovi modelli di sviluppo per tutti non trovano sicuramente posto in un dibattito politico sulla nuova legge che lega la cooperazione a vecchie chiavi di lettura e a una visione della politica estera scollegata dalle altre politiche, in Italia, in Europa e nel mondo.

Il 1 marzo, all’iniziativa promossa da 3 realtà collettive di ong italiane, l’Associazione Ong Italiane, Il CINI (coordinamento dei Network Internazionali) e la rete Link 2007, il Ministro Riccardi ha espresso la volontà di realizzare un Forum nazionale entro la fine del mandato che dibattesse dei temi della cooperazione italiana tutta nel nuovo contesto globale, slegando di fatto l’iniziativa dal percorso parlamentare sulle riforma delle legge 49/87. L’avvio ufficiale del percorso di costruzione del Forum nazionale, appuntamento previsto per settembre 2012 a Milano, è stato dato il 17 aprile scorso all’incontro del Tavolo Interistituzionale convocato sempre dal Ministro Riccardi, alla presenza di referenti di più Ministeri, della Direttrice della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Mae, Ministro Elisabetta Belloni, di referenti delle ong, delle cooperative, sindacali, del mondo universitario, di Comuni e Regioni, della Confindustria.

Un Comitato Scientifico, operativamente coordinato da funzionari ed esperti dello staff del Ministro, ha fatto ai soggetti invitati al Tavolo una prima proposta di gruppi di lavoro specifici su temi inerenti il contesto attuale della cooperazione, di preparazione delle giornate del Forum.

Nei prossimi giorni un sito aggiornato ufficializzerà le tappe del percorso, che porterà alla realizzazione dell’evento tra la fine del mese di settembre e l’inizio di ottobre prossimo.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti