fbpx

30Luglio2012 Per una legge solida e sostenibile

Condividi

Lettera di Paolo Beni, Presidente nazionale Arci, ai parlamentari e soggetti impegnati e coinvolti dalla riforma della legge 49/87 che regola la cooperazione internazionale.

Alla cortese att.ne di

– Sen. Alfredo Mantica, Presidente del Gruppo Ristretto Cooperazione della Commissione Esteri

– Sen. Giorgio Tonini, Vice Presidente

– Amb. Michele Valensise, Segretario Generale della Farnesina

– Sottosegretario Marta Dassù

– Sottosegretario Staffan De Mistura

– Direttore Generale Cooperazione allo sviluppo, Elisabetta Belloni

– Ministro Andrea Riccardi

Gentilissimi,

vi scrivo in qualità di presidente dell’Arci, associazione da sempre impegnata – tanto a livello nazionale che nelle sue realtà territoriali – sui temi e nelle attività di solidarietà e cooperazione internazionale.

Sono stato informato della ripresa del percorso di riforma della legge 49/87 sulla cooperazione internazionale da parte della Commissione Esteri al Senato. Accolgo questa iniziativa con favore, nella speranza che si possano ridefinire contesto geopolitico e sociale, operatività e  strumenti della cooperazione internazionale italiana, aggiornandoli rispetto ai  nuovi scenari mondiali, alla pluralità degli attori, al ruolo delle comunità locali.

L’Arci chiede una legge solida e sostenibile, che tenga conto delle sfide della globalizzazione dei diritti e rilanci la difesa dei beni comuni, che non releghi la cooperazione ad un ruolo di secondo piano rispetto alla politica estera ma la valorizzi come strumento di coesione sociale e di promozione di pace e dialogo. Riteniamo che questo sia un impegno che il nostro Paese dovrebbe assumere in un quadro di coerenza delle politiche tutte, da quelle economiche e finanziarie, a quelle sociali e formative, con una forte attenzione al tema dei migranti e delle nuove cittadinanze.

La novità del Ministero per l’Integrazione e la Cooperazione è stata accolta dall’Arci, come da molte altre realtà della società civile italiana, come una risposta positiva e responsabile all’accusa – che più volte è stata mossa nei confronti delle nostre istituzioni nazionali – di venir meno all’impegno per la costruzione di un mondo più giusto e sostenibile. Per questo sosteniamo il percorso di rinnovamento culturale che il Ministro Riccardi sta portando avanti con convinzione, e crediamo che i contenuti emersi dai gruppi preparatori del Forum per la cooperazione in programma a fine ottobre siano un buon viatico per la nuova legge.

Riteniamo indispensabile che il percorso di riforma coinvolga gli attori sociali della solidarietà e della cooperazione internazionale e sappia raccoglierne le istanze. Questo chiedono le ong italiane, che, da quando si è ripreso a parlare di riforma della legge 49/87, si sono subito impegnate a costruire una loro proposta unitaria, che pensiamo abbia il merito di recepire nei suoi contenuti la sfida del rinnovamento:

L’Arci si esprime pertanto a sostegno di questo lavoro di ricerca di sintesi, di proposta e di pressione politica condotto da Aoi, Cini e Link 2007. Ci auguriamo che il processo  avviato dalla Commissione Esteri al Senato prosegua garantendo la più ampia consultazione di tutti i soggetti sociali interessati, profit e non profit, degli Enti Locali e delle Istituzioni Nazionali coinvolte.

Nell’auspicio che questo lavoro approdi ai risultati positivi che tutti attendiamo, vi auguro buon lavoro.

Cordiali saluti.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti