fbpx

26Settembre2012 Parlamentari europei approvano l’importante accordo commerciale fra UE e Israele. L’impunità finirà mai?

Condividi

La Rete Euromediterranea per i Diritti Umani è delusa dal voto dei parlamentari europei che hanno approvato l’importante accordo commerciale tra UE e Israele, in un modo che chiaramente sovverte le dichiarazioni ufficiali della UE sugli insediamenti e il diritto internazionale.

I parlamentari europei riuniti nel Comitato sul Commercio Internazionale (INTA) hanno votato in favore del “Accordo di valutazione della conformità e accettazione dei prodotti industriali industriali- Protocollo aggiuntivo dell’Accordo euromediterraneo” tra l’UE e Israele, comunemente conosciuto come ACAA.

I parlamentare possono affermare che ciò non migliora le relazioni fra UE e Israele, ma questa cooperazione rafforzata e in prospettiva la conclusione di questo protocollo di fatto riflette un significativo passo avanti delle relazioni commerciali.

La REMDH trova questa decisione dei parlamentari europei particolarmente deplorabile poiché ACAA offre un riconoscimento alle autorità israeliane responsabili della occupazione del territorio palestinese, in diretta violazione degli obblighi derivanti dal diritto internazionale.

“Votando contro l’ACAA, i parlamentari non avrebbero censurato un accordo commerciale, ma semplicemente mandato un segnale che non ci può essere “business as usual” mentre le autorità israeliane proseguono la loro politica di occupazione, precludendo in questo modo ogni progresso nei negoziati del processo di pace in Medio Oriente, e negando il diritto all’autodeterminazione al popolo palestinese” ha dichiarato il presidente della Rete Euromed Michel Tubiana.

In aggiunta, la industria farmaceutica israeliana è pesantemente coinvolta nell’occupazione del territorio palestinese, bloccando di fatto lo sviluppo di una industria farmaceutica palestinese in un momento in cui il sistema sanitario palestinese non è in grado di provvedere a un accesso adeguato alle cure sanitarie.

La Rete Euromed è scioccata dal patto che i parlamentari europei sostengano le autorità israeliane nella loro politica, senza considerare l’impasse nella quale la regione si trova, favorendo un approccio di “business as usual”.

La Rete Euromed deve puntualizzare che poiché il Parlamento Europeo è la sola istituzione che deriva la sua legittimità dalla elezione a suffragio universale dei suoi componenti, la credibilità dell’UE dipende dalla capacità di realizzare i poteri affidatigli dal Trattato di Lisbona e di giocare il suo ruolo nella politica internazionale.

“Il parlamento europeo deve prendere le distanze dalle preoccupazioni di corto respiro dei governi e riaffermare i principi fondamentali che governano l’idea europea, in particolare il rispetto per i diritti umani e la dignità di tutti. Per questo la sospensione dell’adozione delle procedure ACAA segnalerebbe la fine dell’impunità delle autorità israeliane” continua Michel Tubiana.

La Rete Euromed fa appello dunque al Parlamento europeo nella plenaria di Novembre affinché rifiuti di dare il proprio voto sull’Accordo ACAA finchè Israele non rispetterà i suoi obblighi verso il diritto internazionale.

Il Protocollo ACAA è un accordo finalizzato a facilitare l’accesso dei consumatori europei e israeliani a un più ampio numero di prodotti farmaceutici a basso costo. Due mesi fa, la UE ha già offerto ad Israele 60 nuove attività di cooperazione in 15 diversi settori, nonostante il congelamento del miglioramento delle relazioni con Israele in vigore dal giugno del 2009.

Dei 30 parlamentari europei che hanno votato nel Comitato, 15 hanno votato a favore dell’ACAA, 13 contro e 2 astenuti.

15 hanno votato in favore  tutti i popolari, 1 liberale alde – 2 ecr e 1 efd

13 contro (socialisti, verdi, gue)

2 astenuti  (Alde -liberali – Ecr

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti