fbpx

25Ottobre2012 Arcs insieme a Norwegian People’s Aid per la Siria

Condividi

Arcs ha presentato nei giorni scorsi all’UTL di Beirut una proposta di intervento umanitario, con NPA (Norwegian People’s Aid), per accedere ai fondi multilaterali che il Governo Italiano ha destinato per i profughi siriani in Libano a Unicef e UNHCR.

Si tratta di una prima adesione coordinata, nell’ambito del programma di lavoro più complessivo delle rete delle ong di SOLIDAR, nel Mediterraneo e Medio Oriente, sui temi dei diritti globali, della pace e del dialogo.

Sintesi della proposta dal titolo: “Risposta umanitaria all’emergenza siriana”

Il progetto proposto risponde alle esigenze urgenti di popolazioni gravemente colpite dal conflitto che finora hanno ricevuto poco o nessun aiuto da altri attori.  I palestinesi sfollati dalla Siria al Libano sono particolarmente vulnerabili, in quanto non hanno accesso ai servizi di base e devono persino pagare una “penale” per la loro permanenza nel paese.

L’intervento di risposta alle emergenze di arcs nell’ambito della crisi siriana sarà concentrato nei campi palestinesi e nelle aree limitrofe in Libano e Siria. Arcs ha selezionato queste aree geografiche e i relativi interventi per la presenza di partner in questi territori e sulla scorta delle precedenti esperienze maturate da NPA nella risposta alle emergenze. Il progetto è stato quindi suddiviso in tre sezioni:

Aiuti ai rifugiati provenienti dalla Siria e residenti nei campi palestinesi di Libano e territori circostanti

La prima sezione del progetto sarà concentrata sui campi palestinesi di Beirut, Libano e territori circostanti dove si sono insediati migliaia di palestinesi (di origine siriana) e rifugiati siriani. Gli aiuti forniti includeranno alimenti, kit speciali per donne e bambini e kit di reinserimento scolastico.

Aiuti ai siriani interni residenti nel campo palestinese di Yarmouk in Siria e territori circostanti

La seconda sezione del progetto sarà concentrata sul Campo palestinese di Yarmouk in Siria (a sud di Damasco) dove si sono rifugiati migliaia di siriani. Secondo le stime, il numero di famiglie sfollate nel campo di Yarmouk si attesterebbe intorno a 2000. Analogamente ai campi in Libano, le famiglie sfollate si trovano in situazioni difficili che impediscono loro di sopperire alle necessità primarie.

Programmi di formazione dedicati ai giovani operatori siriani e palestinesi in situazione di emergenza

Questa sezione del progetto sarà pertanto mirata a sviluppare le competenze di questi giovani nella capacità di reazione alle emergenze. Nel workshop, i partecipanti acquisiranno le competenze necessarie per condurre valutazioni delle esigenze, pianificazione ed esecuzione di operazioni di soccorso nonché monitoraggio e valutazione. Tutte le sessioni di formazione saranno basate su metodi interattivi e deduttivi e nel workshop verranno ricreate le esperienze e i contesti di vita reali dei partecipanti attraverso giochi di ruoli, simulazioni, esercizi coinvolgenti e altre tecniche.  Il programma di formazione includerà tematiche tratte da Sphere e altri standard internazionali e verrà condotto da un consulente locale.

Si può contribuire versando sul conto corrente presso Banca Etica intestato ad :
Arci Cultura e Sviluppo
Iban IT96N0501803200000000508080
causale: emergenza profughi siriani

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti