fbpx

19Novembre2012 Nuovo appello degli afgani all’Italia “Per favore, non lasciateci soli”

Condividi

Garantire un serio monitoraggio delle prossime elezioni afgane del 2014 e soprattutto verificare l’accesso delle donne alle urne. Un progetto che non venga affidato al governo afgano ma alle organizzazioni della società civile, a garanzia che il processo elettorale sia trasparente e democratico in ogni sua fase. E’ questa una delle proposte che la società civile afgana e quella italiana hanno fatto al Sottosegretario agli Affari Esteri, Min. Staffan De Mistura a conclusione di una settimana di incontri con le istituzioni nazionali e alcune/i esponenti del Parlamento italiano. Per finanziare anche questo intervento, il Comitato della società civile afgana e la rete italiana “Afgana” hanno chiesto  al Ministero per la Cooperazione Internazionale e l’Integrazione  e al Ministero degli Affari Esteri la costituzione di un fondo comune (Joint Cooperation Fund of civil society) per la società civile.

De Mistura, nell’incontro, ha per altro sottolineato come “la maniera più efficace per contribuire alla continuità dell’attenzione e dei finanziamenti della Comunità internazionale sia quella di focalizzare e sostenere i diritti delle donne afgane, appoggiare la creazione di una Casa della società civile e coinvolgere le stesse donne afgane nel monitoraggio del processo elettorale”.

Negli incontri istituzionali la delegazione sociale afgana ha manifestato la preoccupazione per il dopo 2014 e in particolare ha chiesto al Governo italiano di monitorare la trasparenza dell’ operato delle istituzionali nazionali afgane, attraverso un monitoraggio e un rendiconto politico e sociale delle loro attività. Ha inoltre sollecitato un intervento specifico  per il sistema giudiziario , per garantirne maggiore efficacia ed efficienza.

La società civile afgana ha espresso il proprio appoggio a due iniziative proposte dalla rete Afgana:

  • la “Campagna 30%” : per ogni euro risparmiato col ritiro delle truppe militari (al momento circa 4000 soldati che dovrebbero rientrare entro il 2014)  30 centesimi  devono essere reinvestiti nello sviluppo sociale, nella lotta alla povertà, per i rafforzamenti della società civile  in Afghanistan
  • il progetto di costruzione di una “Casa della società civile” a Kabul, espressione “fisica” della presenza politica della società civile afgana. Un progetto su cui il Parlamento italiano si è già espresso impegnando in questo senso il Governo

La delegazione è stata invitata nell’ambito del progetto Afghanistan: attività di formazione e di sostegno alla società civile afgana nel processo di ricostruzione e riconciliazione nazionale e per la realizzazione di una Casa della società civile a Kabul”, cofinanziato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri, con capofila ARCS in consorzio con le Ong AIDOS, NEXUS e OXFAM ITALIA.

Afgana (www.afgana.org) è una rete informale di associazioni, organizzazioni non governative, sindacati, accademici e cittadini nata nel 2007 a Roma.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti