fbpx

19Luglio2013 Approvato emendamento sulla cooperazione

Condividi

Le commissione riunite Affari Costituzionali e Bilancio – durante la discussione del decreto del “fare”- hanno approvato un emendamento sulla cooperazione a prima firma Marcon e di altri deputati SEL sui quali è confluito anche un emendamento analogo del M5S.  L’emendamento modifica la proposta del governo sull’art. 7 della legge 49/87 che allarga le possibilità per le imprese di accedere a crediti agevolati per la formazione di imprese miste nei paesi in via di sviluppo.  Nell’emendamento si obbligano le imprese che intervengono nei paesi in via di sviluppo di rispettare le linee guida dell’OCSE sulla responsabilità sociale d’impresa e la risoluzione del Parlamento europeo del 2011 sul rispetto delle clausole sociali ed ambientali e dei diritti umani.  “E’ una norma indispensabile” dichiara l’ on. Marcon “per evitare che le imprese italiane vengano meno allo spirito e alla lettera delle finalità della cooperazione allo sviluppo. Va comunque ribadito che la cooperazione allo sviluppo non può essere uno strumento del commercio estero. L’aiuto allo sviluppo non può essere al servizio del business delle imprese. Ora” conclude l’on. Marcon “si deve fare entro l’anno la riforma della legge 49 sulla cooperazione allo sviluppo”.

Da http://giuliomarcon.it/

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti