fbpx

01Agosto2013 Si ricostituisce il Gruppo di lavoro parlamentare “Salute globale e diritti delle donne”

Condividi

Il Gruppo di lavoro parlamentare “Salute globale e diritti delle donne”,  nato per promuovere l’agenda italiana e internazionale sulla cooperazione allo sviluppo nelle aree della salute globale, della salute sessuale e riproduttiva e dei diritti delle donne, si ricostituisce oggi, 30 luglio, e inizia i lavori per questa nuova legislatura.

Il Gruppo svolgerà un’attività costante di monitoraggio dell’attuazione degli impegni assunti dal Governo italiano, nonché azioni che siano di stimolo per lo stanziamento di risorse, al fine di incrementare la quantità ma anche la qualità degli aiuti allo sviluppo per la salute e i diritti delle donne, ancora oggi non sempre garantiti e non solo nei paesi del Sud del mondo.

Il Gruppo fa parte della rete europea EPF, European Parlamentary Forum, che riunisce parlamentari provenienti da tutta Europa impegnati a tutelare la salute globale e, in particolare, la sessuale e riproduttiva sia nei rispettivi paesi che all’estero e a tutelare i dei diritti delle donne con riferimento al Programma d’Azione della Conferenza su Popolazione e Sviluppo del Cairo (1994), alla Piattaforma di Azione della Conferenza sulle Donne di Pechino (1995) e agli Obiettivi di sviluppo del millennio adottati nel 2000.

Aperto a tutte le forze politiche, vede come promotrici le deputate Federica Mogherini e Pia Locatelli. Hanno già dato la loro adesione Deborah Bergamini, Fabrizia Giuliani, Titti Di Salvo, Giulia Di Vita, Maria Edera Spadoni, Irene Tinagli, Sandra Zampa e le senatrici Emilia De Biasi, Valeria Fedeli e Rita Ghedini

La segreteria tecnica del Gruppo sarà affidata ad AIDOS – Associazione italiana donne per lo sviluppo, che ha già svolto questo ruolo nella precedente legislatura. AIDOS è una ONG riconosciuta idonea in base alla legge 49/87 sulla cooperazione internazionale che lavora per i diritti, la dignità e la libertà di scelta delle donne.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti