fbpx

07Agosto2014 Soddisfatti per il DDL Terzo Settore. Un po’ meno per le coperture

Condividi

Il Forum Nazionale del Terzo Settore sul testo definitivo del DDL di Riforma del Terzo Settore: Buon testo, ma ora pronti per Legge di Stabilità e iter parlamentare del DDL.

Pietro Barbieri, Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, ha stamattina partecipato,  invitato dal Ministro Poletti e dal Sottosegretario Bobba, alla conferenza stampa di presentazione del testo del DDL di Riforma del Terzo Settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale, che inizia il suo iter di approvazione parlamentare.

“Si tratta di un buon testo – dichiara Barbieri – di cui siamo complessivamente soddisfatti, per l’articolazione e la complessità dell’articolato, che abbraccia tutta la normativa del Terzo Settore e che ha saldi ancoraggi costituzionali, solidaristici e si pone in una prospettiva di riduzione delle diseguaglianze. Siamo anche soddisfatti per l’attenzione che il Ministero del Lavoro ha prestato alle nostre segnalazioni e sottolineature, in particolar modo nell’articolo 2, nel quale vediamo recepite diverse nostre istanze, volte a valorizzare, in un contesto di legalità e trasparenza, il grande portato di utilità sociale, freschezza, vivacità, complessità e innovazione del Terzo Settore Italiano.

Certamente, accanto alle molte luci – prosegue Barbieri – vediamo anche delle ombre. In particolare lascia perplessi il riferimento ad un tetto al 5 x1000 legato a non precisate risorse disponibili. E permangono dei dubbi circa il collocamento e l’impostazione della nuova disciplina  dell’impresa sociale. Siamo però certi che durante il percorso parlamentare, il testo potrà essere ulteriormente migliorato. E in questa azione, il Forum continuerà ad essere in prima linea nel fornire il proprio contributo, collaborazione e supporto.

Notiamo ovviamente anche la mancanza di un’adeguata copertura economica, all’altezza delle tante sfide che il DDL si pone, specie con riferimento al  Servizio Civile universale e alla stabilizzazione del 5 x1000.  C’era da aspettarselo, dopo i dati di questi giorni, ma non possiamo non esprimere delusione.  La Legge di Stabilità 2015 sapevamo che sarebbe stato terreno di lavoro per povertà, non autosufficienza e politiche sociale. Lo sarà, ora, anche per il Servizio Civile, per il 5 per mille e la fiscalità di vantaggio per il Terzo Settore – conclude il Portavoce Barbieri -. Raccogliamo in questa direzione con soddisfazione l’impegno assunto stamane dal Ministro Poletti, se veramente vogliamo dare gambe all’assunto “lo chiamano terzo settore ma in realtà è il primo”.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti