fbpx

25Marzo2015 Non cediamo il passo al terrore: dal 24 al 28 marzo a Tunisi il Forum Sociale Mondiale 2015

Condividi

copertina_tunisi_fsm2015

Comunicato Arci

La manifestazione di apertura de Forum Sociale Mondiale si è tenuta a Tunisi martedì 24 marzo. E’ iniziata alle 16, è stata una “grande marcia dei popoli contro il terrorismo” ed è terminata davanti al museo del Bardo.

Tutte le  delegazioni internazionali hanno confermato la loro presenza, da tutto il mondo, dalla Cina agli Stati Uniti al Brasile e l’India. Tutte le attività sono confermate – seminari, convegni, eventi culturali. Settantamila persone pronte a dare vita a un’altra edizione del Forum Sociale Mondiale, che si terrà a Tunisi dal 24 al 28 marzo.

Il 26 marzo, nel campus universitario Al Manara, dove il Forum avrà luogo, si terrà un grande incontro per iniziare a scrivere la “Carta Internazionale Altermondialista contro il terrorismo”.

L’ultima edizione del Forum Sociale Mondiale (2013) si svolse a pochissimo tempo di distanza dagli omicidi dei dirigenti politici della sinistra Chokri Balaid e Mohamed Brahmi, fu il più grande evento autorganizzato di società civile nella regione mai realizzato, e aiutò il paese a evitare la destabilizzazione.

La Tunisia, con la sua complessa ma resistente transizione democratica, rappresenta una terza via fra l’oscurantismo e l’autoritarismo che imperversano nella regione – e non solo nella sponda sud del Mediterraneo.

Gli attori sociali di tutto il mondo vanno a Tunisi per difenderla – e denunciano i governi europei e la comunità internazionale che non ha mosso un dito per aiutarla.

Le organizzazioni sociali che guidano il Comitato Organizzatore del Forum Sociale Mondiale, fra cui il sindacato UGTT e il Forum Tunisino dei Diritti Economici e Sociali, hanno fatto parte del Quartetto di società civile al quale Governo e Parlamento affidarono il compito di risolvere lo stallo istituzionale al tempo della discussione sulla nuova Costituzione, che rischiava di portare il paese alla guerra civile.

Il Forum Sociale Mondiale sarà l’occasione per l’incontro dei principali attori sociali democratici del mondo intero. Servirà a consolidare ed allargare le alleanze internazionali, a preparare l’agenda dei prossimi anni e le future campagne e mobilitazioni.

Saranno a Tunisi un gran numero di sindacati europei, magrebini ed africani, le principali reti sociali di movimento, le grandi associazioninazionali e mondiali, inclusa la Caritas internazionale, delegazioni dei paesi in conflitto (dalla Palestina ai Kurdi che hanno fermato l’ISIS, agli iracheni e siriani), le famiglie politiche della sinistra e della socialdemocrazia, parlamentari nazionali ed europei. Saranno presenti delegazioni anche di Syriza e di Podemos.

A Tunisi si preparerà la mobilitazione mondiale che avrà luogo a Parigi a dicembre,  in occasione della Conferenza Onu sul Clima. Si consoliderà l’alleanza europea per il sostegno alla Grecia e contro l’austerità. Si incontreranno i movimenti contro la povertà e contro l’accaparramento della terra. Si terranno grandi assemblee di donne e di giovani. Il tema dei migranti sarà uno dei cuori pulsanti del Forum.

Dall’Italia partiranno centinaia di attivisti sociali, dirigenti associativi e sindacali, esponenti politici e istituzionali. Moltissime le associazioni e i movimenti presenti.

Anche l’Arci parteciperà con una folta delegazione. Legata alla società civile tunisina da una relazione storica e permanente, l’Arci e la sua ONG Arcs lavoreranno a Tunisi su diversi temi e campagne, legate in particolare alla costruzione delle alleanze necessarie per una Alternative Mediterranea e per una Europa diversa.

A Milano, il 24 marzo alle 18, in piazza Duomo, in contemporanea con l’apertura del Forum Sociale Mondiale di Tunisi, con cui la piazza si collegherà, si terrà una manifestazione per dire tutti insieme “I popoli del mondo contro il terrorismo”.In particolare, l’Arci è fra i promotori del processo che farà nascere, durante il FSM, una rete mondiale sulle persone scomparse durante le migrazioni, che sono migliaia e migliaia in tutto il mondo. A Tunisi partirà la campagna per una sessione speciale del Tribunale Permanente dei Popolidedicato a rendere loro, e alle loro famiglie, verità e giustizia.

www.fsm2015.org – www.arci.it

 

Per contatti a Tunisi (dal 24 alle 12)                                                     

Raffaella Bolini – Arci                                                                           

Cell: 0021693140719                                                                              

 

In allegato:

 

INIZIATIVE
Le iniziative del Forum in cui Arci e ARCS sono direttamente coinvolte, come promotore o co-promotore sono:

  • l’incontro per preparare la COP sul Clima a Parigi – che sarà una grande e permanente mobilitazione in tutto il mondo da qui a dicembre; in Italia sta per nascere una rete di lavoro unitaria;
  • il grande seminario mondiale sugli scomparsi lungo le rotte migratorie – non solo nel Mediterraneo, che prosegue il lavoro di rete sul quale Arci è impegnata ormai da anni. L’obiettivo è costruire una sessione del Tribunale Permanente dei Popoli sulle vittime nelle migrazioni;
  • il seminario per lanciare ‘il processo di Tunisi’ – da contrapporre a quello di Khartoum in cui i governi e la UE confermano le politiche di esternalizzazione delle frontiere e di criminalizzazione dei migranti;
  • diversi seminari sulla libertà di circolazione e uno specifico sull’aiuto ai migranti in mare – organizzati insieme alle tante reti internazionali con cui Arci lavora;
  • i due seminari di ‘Alternative Mediterranee’ – per proseguire il ragionamento sul Mediterraneo iniziato a Lampedusa con reti associative, di movimento e sindacali;
  • i seminari di Solidar sulla protezione sociale nel Maghreb-Mashrek – che prosegue il lavoro di rete degli ultimi anni, legato al progetto europeo in cui Arcs è coinvolta;
  • la grande assemblea di convergenza di solidarietà con il popolo kurdo e con Kobane – organizzato insieme al Kurdish Network che sarà presente a Tunisi con una folta delegazione di militanti donne e uomini curde;
  • il seminario di Migreurop sull’esternalizzazione delle frontiere e le politiche migratorie UE – che fa parte del lavoro permanente della rete a cui l’Arci partecipa;
  • l’assemblea di convergenza sul ‘vento greco in Europa e la costruzione di un movimento europeo contro l’austerità’ – realizzato insieme a diverse organizzazioni e reti europee;
  • il seminario strategico sulle nuove sfide di fronte alla società civile globale, a quasi quindici anni dal primo Forum Sociale Mondiale – realizzato insieme alle organizzazioni che hanno iniziato il processo FSM.

Molti sono i seminari promossi da reti di cui Arci e ARCS sono parte (Solidar, Rete Euromed per i diritti Umani, Migreurop, Libera ed altre), a cui siamo invitati a partecipare.

Il programma completo delle iniziative è su www.fsm2015.org

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti