fbpx

30Maggio2015 I popoli della Terra a confronto alla kermesse internazionale delle reti sociali promossa da Expo dei Popoli

Condividi

copertina_stilli_expo_popolidi Silvia Stilli

Finalmente ci siamo: a Milano, alla Fabbrica del Vapore dal 3 al 5 giugno il Forum internazionale delle reti sociali globali, promosso da Expo dei Popoli. Il 2 un’anteprima con un’iniziativa che vede protagonisti i ragazzi alla Cascina Triulza e ancora alla Cascina il 6 per la ‘restituzione’ del lavoro dei giorni precedenti, nel confronto con le istituzioni. 
Tanti partner delle ong e associazioni italiane per discutere davvero di diritto al cibo,alla terra da coltivare e amare e rispettare, all’acqua bene comune. Per denunciare il landgrabbing mascherato da cooperazione o aiuto, per ricordare le migrazioni provocate dai cambiamenti climatici, per dire ai Governi che andranno ad Addis Abeba a luglio che gli impegni contro la fame e la lotta alle povertà non sono ‘elemosina’, ma doveri, impegni scarsamente o parzialmente rispettati. Molti altri i temi, che la Carta di Milano non contempla come si sarebbe sperato. Il programma è fitto di spunti e riflessioni, contributi interessanti, tra le plenarie e i gruppi di lavoro. Produrrà report e posizionamenti che faranno riflettere. Anche gli spettacoli si legano al tena,con testimonial motivati. Arcs ci sarà, portando i Sem Terra, i giovani campani e sardi e le esperienze di buone pratiche locali che hanno fatto nei mesi scorsi il percorso di avvicinamento a queste giornate. E nei gruppi e alla Presidenza dell’Assemblea Arcs ci starà insieme all’Arci. Grazie soprattutto all’Arci di Milano, che da lungo tempo è attiva nel Comitato Expo dei Popoli e si è immersa nella preparazione e nel coinvolgimento associativo. Ci saranno anche altri comitati territoriali e dirigenti nazionali impegnati sui temi del Forum. 
Un’ottima occasione per chiedere che la cooperazione internazionale dell’Italia non tardi a dare concretezza alle aspettative suscitate dalla Legge 125/2014, a partire dalla definizione in Consiglio Nazionale (appena designato!),con tutti gli attori, della posizione da portare ad Addis Abeba e con quali impegni,prospettive e strategie. Siamo sempre fiduciosi. 

Nomina membri Consiglio Nazionale Cooperazione allo Sviluppo 

Designazione membri Consiglio Nazionale Cooperazione allo Sviluppo

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti