fbpx

30Agosto2015 Arrestato attivista italiano in Cisgiordania

Condividi

Vittorio Fera, un ragazzo di 31 anni di Monza al momento in Palestina come attivista per l’International Solidarity Movement, ha partecipato venerdì 28 ottobre ad una manifestazione a Nabi Saleh. Ogni venerdì viene organizzata una manifestazione in questo paese, situato a nord di Ramallah, contro l’espansione di una colonia illegale nella zona. Vittorio stava riprendendo gli scontri e, nello specifico, l’aggressione di un ragazzino palestinese da parte di un militare, quando è stato arrestato con l’accusa di aver lanciato pietre ai soldati. Successivamente è stato portato al centro per gli interrogatori Russian Compound (chiamato in arabo “Muskubiya”), situato nel cuore di Gerusalemme . Il centro in questione è tristemente rinomato per le dure pratiche, al limite della tortura, adottate dalla polizia durante gli interrogatori. A questo punto Vittorio dovrebbe essere portato davanti ai giudici. Oltretutto, trattandosi di un territorio occupato, l’esercito avrebbe diritto ad effettuare arresti solo tra la popolazione occupata e non tra gli internazionali (che possono essere arrestati solo da polizia e guardia di frontiera). Domenica, invece, sono stati arrestati 3 Palestinesi ad una manifestazione a Beit Jala (vicino a Betlemme), organizzata per cercare di fermare lo sradicamento di ulivi, necessario per la costruzione di un nuovo tratto del muro di separazione.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti