fbpx

13Ottobre2015 GERUSALEMME. Un altro giorno di tensioni: morti due israeliani e tre palestinesi – @nenanewsagency

Condividi

da nene-news.it

Due settimane di tensioni hanno portato il bilancio dei palestinesi uccisi dai soldati israeliani a quasi trenta morti, tra cui un bambino di 12 anni ammazzato ieri sera dalla polizia israeliana nella colonia di Pisgat Zeev, a Gerusalemme, dove insieme al fratello avrebbe accoltellato due israeliani, ferendo in modo serio un coetaneo.

Accoltellamenti che proseguono anche oggi, giorno di sciopero generale dei palestinesi in Israele, per denunciare le discriminazioni che subiscono nello Stato ebraico. La polizia israeliana ha riferito che in due distinte aggressioni a Gerusalemme sono stati feriti otto israeliani. A Jabal al-Mukabbir, nella zona est della città, sotto occupazione, sono stati feriti cinque israeliani e sul luogo sono stati fermati, a quanto pare uccisi, due palestinesi. Altre tre persone sono state ferite invece nella zona ovest e l’aggressore palestinese, ha detto la polizia, è stato fermato.Nei pressi della porta di Damasco, stamattina un giovane palestinese sarebbe stato ucciso a colpi di pistola, m ala notizia non è ancora confermata. Inoltre, un colono israeliano sarebbe stato investito, non è ancora chiaro se sia morto o ferito, da un’auto guidata da un ragazzo palestinese poi ucciso, non è chiaro se da civili presenti sul posto o dalla polizia.

Una vittima anche nella Striscia di Gaza, vicino al valico di Eretz dove i palestinesi si sono riuniti per manifestare.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti