fbpx

30Ottobre2015 A novembre avvio delle attività socio-educative e della seconda fase della Rapid Employment Initiative

Condividi

da utlbeirut.org

Continua il progetto “Coesione sociale, lavoro e infrastrutture per i rifugiati siriani e per i libanesi returnees” in corso nel distretto di Hermel, nelle aree di Al-Qasr, Kwakh e Sharbeyn, tre località rurali al confine con la Siria e particolarmente colpite dall’emergenza siriana.

Grazie all’attivo coinvolgimento della Municipalità di Al-Qasr, del partner locale L’Associazione Culturale di Hermel (CAH) e dello staff di ARCS, si sta concludendo in questi giorni la prima fase di lavoro dei primi 80 operai selezionati, 40 siriani e 40 libanesi, incluse le donne, che sono stati impegnati nella pulizia di strade, giardini ed edifici pubblici della cittadina alla frontiera con la Siria. Tutti i lavoratori coinvolti hanno seguito un traininginiziale sulla sicurezza sul lavoro, valore aggiunto del progetto in un Paese in cui non esistono formazioni specifiche sui rischi a cui s’incorre e le precauzioni da prendere nel caso di lavori manuali, e hanno ricevuto un kit da lavoro composto da guanti, giubbino catarifrangente, elmetto e mascherina. Tra novembre e dicembre, con l’avvio della seconda e terza fase di lavoro, altre 160 persone, tra cui 60 donne capofamiglia, verranno raggiunte dal progetto e si darà avvio alle attività socio-educative previste, ovvero corsi di alfabetizzazione per le donne e attività ricreative pomeridiane per bambini/ragazzi.

Decisamente molto positiva l’eco del progetto nella comunità di Al-Qasr, che può finalmente godere di spazi pubblici puliti e di tratti di strada sistemati, laddove la Municipalità non avrebbe le risorse economiche e fisiche per far fronte a certe attività. Questo favorisce anche una maggiore coesione sociale e un ritrovato senso di appartenenza alla comunità, sia da parte dei rifugiati siriani che dei libanesi, soprattutto returnees. Inoltre, in un contesto sensibile come quello di Al-Qasr e che subisce delle ripercussioni enormi rispetto a quanto avviene nella vicina Siria, è importante sostenere iniziative di Rapid Employment che offrono un incentivo al lavoro per giovani e persone vulnerabili e, allo stesso tempo, rappresentano un’alternativa ad un futuro possibile da combattenti nella vicina Siria.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti