fbpx

02Novembre2015 I volontari della rotta balcanica scrivono ai governi europei – @arcinazionale

Condividi

da arci.it

Aiutiamoli a far girare il loro appello!

Noi, i volontari di prima linea che da mesi siamo arrivati in aiuto alle migliaia di rifugiati, ci appelliamo a tutti i governi d’Europa perché agiscano immediatamente e in modo decisivo per migliorare la situazione. Ci sono decine di migliaia di persone lungo tutta l’Europa sud orientale, e la capacità attuale dei punti di aiuto organizzati dai volontari è seriamente messa in discussione.

Tenendo conto dell’arrivo rapido dell’inverno e dei problemi di molte frontiere, noi crediamo esista un pericolo vero che la situazione possa portare a gravi problemi medici e anche a decessi nella comunità dei rifugiati.

Tutti hanno il diritto legale di domandare asilo. Se l’Europa non è capace di fornire rotte legali e sicure ai richiedenti asilo, deve perlomeno fornire un aiuto a coloro che percorrono le rotte pericolose. Non vogliamo vedere un solo rifugiato morire mentre fa una fila senza fine davanti alle frontiere d’Europa, o nelle nostre braccia.

I volontari hanno fornito un largo ventaglio di attività fino ad oggi, in parecchi settori hanno molto semplicemente rimpiazzato le istituzioni governative e il loro aiuto. Abbiamo distribuito il cibo e l’acqua, abbiamo gestito i gruppi, abbiamo fornito le informazioni critiche sulla registrazione alle frontiere, abbiamo orientato le persone vulnerabili verso i servizi mediti o all’UNHCR, ci siamo presi cura dei bambini, abbiamo gestito stock di coperte e di vestiti, abbiamo pulito i luoghi, abbiamo raccolto fondi e abbiamo fornito un riparo a coloro che erano più in pericolo.

Abbiamo passato molti mesi a Lesbos, Atene, Gevgelija, Budapest, Röszke, Belgradeo Eidomeni, Hegyeshalom, Nickelsdorf, Vienna, Salzburg, Heiligenkreuz, Zakány, Botovo, Calais, Preševo, Berkasovo, Bregana, Harmica, Trnovec, Mursko Središće, Bapska, Opatovac e in altre città d’Europa. Abbiamo dimostrato che i volontari possono fare molto, ma non saremo mai in grado di mettere al caldo migliaia di persone, ora che l’inverno è alle porte.

L’inverno arriva a grandi passi e noi abbiamo davanti a noi appena qualche giorno, per rispondere in un modo umano.

Ci appelliamo ai paesi europei perché forniscano immediatamente aiuto a tutti i paesi che vivono la crisi dei rifugiati, invece che aiutare questi paesi a costruire chiusure e muri.

Chiediamo la costruzione di centri di accoglienza e di transito sicuri, con installazioni che possano corrispondere alle condizioni rigide dell’inverno nella regione.

Chiediamo anche che sia fornito aiuto umanitario alle persone che ne hanno bisogno, con la messa a disposizione di servizi medici appropriati e con il coordinamento degli sforzi, a livello pan-europeo.

Chiediamo anche alla UE di mettere in opera immediatamente gli altri meccanismi esistenti per organizzare un passaggio sicuro verso la UE.

Questo è un avvertimento a voi tutti, dirigenti d’Europa: ci saranno persone che moriranno di freddo alle nostre frontiere, prossimamente, se voi non agite ora.

Noi abbiamo fatto del nostro meglio e continueremo a venire in aiuto, per tutto il tempo che sarà necessario. Ma ora è il vostro turno, governi d’Europa. Per favore, rispondere e mostrate al mondo che l’umanesimo è ancora al centro dei valori europei.

 

La lettera ‪#‎europeact ha l’appoggio dei seguenti gruppi di volontari:

PomocUprchlikum.cz (Czech Republic)
IRPeace.org (Hungary)
Migration Aid (Hungary)
United Volunteers of Preševo (Serbia)
Youth office Preševo (Serbia)
Budapest – Bamako SOS Refugees (Hungary)
MigSzol Csoport (Hungary)
Dobrodošli / Welcome Hrvatska – Centar za mirovne studije (Croatia)
Protirasistična fronta brez meja (Slovenia)
IHA – InterEuropean Human Aid Association (Austria / Germany)
Refugee Aid Serbia (Serbia)
SOSKonvoi – der geheime Kunstsalon Wien (Austria)
Slovene Philanthropy (Slovenia)
Fotomovimiento (Spain)
Graz: Spendenkonvoi (Austria)
Southampton Action – People to People Solidarity (UK)
Vluchtkonvooi (The Netherlands)
Cars Of Hope Wuppertal (Germany)
Studentské hnutí za solidaritu (Czech Republic)
Rastplatz Project (Switzerland)
Open Eyes Balkanroute (Switzerland)
Igors volontärarbete (Sweden)
Are you syrious (Croatia)
Center of Solidarity and Advancement Preševo (Serbia)
Netzwerksammelsurium (Austria)
Bezirk Jennersdorf – Flüchtlingshilfe 2015 (Austria)
Alla ar kockar (Sweden)
Reisegruppe 3 (Germany)
Hilfe für Kinder auf der Flucht (Switzerland)
CCC – Croatian Coordination Centar (Croatia)
HelpNeeded Europe (Sweden)
Tsüri Hilft (Switzerland)
Studenti pomáhají (Czech Republic)
BE AWARE & SHARE Projekt: “Flüchtlingshilfe, mit Vans vor Ort” (Switzerland)
CERIBA (Switzerland)
Medicine on the Spot – MedSpot (Hungary)
Crossing Channels (The Netherlands)
Helferlein-Netzwerk für Flüchtlingshilfe / Helpers-Network for Refugee Aid (Austria)
SHARE (Great Britain)
Plateforme Citoyenne de soutien aux réfugiés / Citizens Platform to support the refugees in Belgium (Belgium)
Kinder auf der Flucht e.V. (Germany)
Graz:Spendekonvoi (Austria)
Refugee Crisis Bratislava Volunteers group (Slovakia)
Cook4refugee (Slovakia)
Action from Switzerland (Switzerland)
Mercy Worldwide Trust (UK)
ENNSZ (Hungary)
Spolek Podhradí (Czech Republic)
HSUST – Aktivisti dana (Croatia)
Refugees in Serbia (Germany)
Refugees – Aid from the Northwest of England (UK)
Balkanroute (Switzerland)
Bienvenidos Refugiados – España (Spain)
Udruga slobodarskih aktivista (Croatia)
German Alliance for Civilian Assistance (Germany)
SOS ERM (Italy)
Solidarity for All (Belgium)
Let’s help the refugees together in Hungary (Hungary)
Lighthouse Relief (Greece)
Humanitet.nu (Sweden)
Connecting Hands to Help Refugees in Greece (Greece)
Helping refugees Lesvos island ”Skala Sykamineas” (Greece)
Safe Haven Voyages (Ireland)
Hands of Hope (Douglas Isle of Man)
Humanitarian Mission in Europe (Italy)
Chlebem i Solą (Poland)
Goals connect e.V. (Germany)
Cork to Calais (Ireland)
Patient Innovation (Portugal)
Europe Refugee Network (Europe)
Lübecker Flüchtlingsforum / Solidaritätszentrum für Geflüchtete im Transit (Germany)
BORDERLESS:Flüchtlingshilfsaktion (Austria)
Züri4refugees (Switzerland)
Friends Helping Refugees (England)
Borderfree association (Switzerland)
Zevnitř ven o.p.s. (Czech Republic)
Bauern helfen Bauern (Austria)
CROATIAN BAPTIST AID (Croatia)
CEV (Belgium)
Refugees Welcome Portugal (Portugal)
RIRK *RevolutionaryIndependentRefugeeKitchen* (Germany)
Wroclaw Wita Uchodzcow (Poland)
Are you Syrious Maribor helping reguees (Slovenia)
Stop Mare Mortum (Catalonia)
Occupy Ljubljana (Slovenia)

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti