fbpx

19Aprile2016 Netatanyhu: “Le Alture del Golan saranno sempre israeliane” – @nenanewsagency

Condividi

di Roberto Prinzi su nena-news.it

Roma, 18 aprile, 2016, Nena News – “Le Alture del Golan resteranno sempre nelle mani d’Israele”. A dichiararlo è stato ieri il premier israeliano Benjamin Netanyahu durante la consueta riunione di inizio settimana che l’esecutivo di estrema destra ha avuto però questa volta, per la prima volta, proprio nel Golan. Come ci ha abituato in questi anni, il premier non ha usato troppi giri di parole per esprimere le sue intenzioni: “Israele non si ritirerà mai da qui. Ci sono due semplici fatti che devono essere ammessi: il primo è che qualunque cosa ci sarà al di là della frontiera [in Siria, ndr], il confine non cambierà. Il secondo è che dopo 50 anni è giunta l’ora che la comunità internazionale riconosca le Alture del Golan sotto la sovranità israeliana”.

Una dichiarazione non molto sorprendente, ma che assume più importanza se si va al di là del significato letterale delle parole. Il premier, infatti, ha voluto mandare tre messaggi ieri. Innanzitutto, ha smentito le voci secondo cui Tel Aviv sarebbe pronta alla cessione del “suo” territorio. Una possibilità che non è assolutamente presa in cosiderazione dai vertici israeliani. Il secondo era diretto alle voci riottose all’interno della sua coalizione che lo accusano da tempo di essere troppo “debole” con i palestinesi. Il suo è stato un vero e proprio atto di forza: ribadire a gran voce che l’unico e vero difensore dell’incedibilità dell’”Eretz Yisrael” (“la Terra d’Israele) è stato e resta solo lui. Che si astengano, pertanto, dall’impartire lezioni di inflessibilità contro i “nemici” dello stato ebraico i vari Bennet (Casa Ebraica), Lieberman di “Yisrael Beitenu” (attualmente fuori dal governo) o le figure emergenti del suo stesso partito. Il terzo, di importanza ancora maggiore, alla comunità internazionale: in qualunque futuro processo negoziale con i palestinesi e qualunque entità si verrà a creare in Siria post-guerra, mettetevi il cuore in pace perché Tel Aviv non restituirà nemmeno un palmo di terra che ha occupato nel 1967. Con buona pace dell’Unione Europea, Nazioni Unite e di quei politici del centro sinistra israeliano (ma ora  lo fanno sempre più di meno anche loro) che continuano a recitare come mantra la formula “pace in cambio di terra”.

Ma il leader di destra ha forse voluto mandare anche un terzo messaggio più velato ai suoi partner “ribelli” siriani dall’altro lato del confine: no alla presenza “minacciosa” di milizie Hezbollah o iraniane in quel lembo di terra che vi resta (un timore ripetutamente sbandierato dalle autorità israeliane in questi anni di caos siriano). Del resto, come spiegò con chiarezza qualche mese fa il ribelle siriano (rinnegato?) Kamal al-Lawbani, dall’altro lato del Golan non pochi concordano con il premier israeliano.

Torna, dunque, in prima pagina la questione delle Alture del Golan la cui occupazione (e annessione) israeliana la gran parte della stampa e dei governi occidentali spesso tende a “dimenticare”. Lo stato ebraico confiscò 1.200 chilometri quadrati di terra del Golan dalla Siria durante la Guerra dei Sei Giorni (1967) annettendoli successivamente in una mossa mai riconosciuta dalla comunità internazionale.

Le parole di Netanyahu rappresentano una nuova implicita intromissione israeliana nel sanguinoso conflitto siriano.La posizione di Tel Aviv su quanto accade in Siria è stata solo apparentemente di guardinga attesa: Tel Aviv ha sostenuto l’indebolimento del presidente Bashar al-Asad sin dall’inizio del conflitto sebbene non lo abbia mai espresso pubblicamente. Gran parte dello spettro politico israeliano (e della carta stampata) ha fatto il tifo per l’indebolimento del regime Ba’ath caldeggiando un “caos controllato” (che non necessariamente avrebbe dovuto portare alla sua caduta). Al-Asad è figura sgradita negli ambienti israeliani: non tanto perché rappresenta una minaccia allo stato ebraico – al di là della retorica pro-palestinese, da quando è salito al potere nel 2000 non sono stati registrati grossi problemi al confine siro-israeliano – ma perché è uno strenuo alleato dell’accerimo “nemico” (l’Iran).

Israele ha più volte bombardato il territorio siriano (fatto riconosciuto ufficialmente solo la scorsa settimana dal premier) colpendo convogli di armi diretti a Hezbollah ed eliminando, recentemente, il “terrorista” Samir Qantar (eminente figura dei libanesi di Hezbollah) in un raid nei pressi di Damasco. Israele, inoltre, proprio dal Golan, ha fatto passare centinaia di combattenti ribelli siriani (alcuni di questi anche estremisti) per curarli nei suoi ospedali nel nord del Paese. Una decisione, quest’ultima, che ha scatenato violente proteste da parte della comunità drusa d’Israele che sostiene il presidente siriano al-Asad e teme (non a torto) che una eventuale conquista del potere da parte di forze islamiste possa segnare l’inizio della loro mattanza. Incontrando di recente il Segretario di Stato John Kerry, il premier israeliano ha detto di non “opporsi ad un accordo diplomatico in Siria”. Ovviamente, sia chiaro, “a patto che questo non comprometti la sicurezza dello stato d’Israele”. Nena News

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti