fbpx

20Ottobre2016 Aiutanti familiari: possibili sinergie di lavoro futuro

Condividi

di Federica D’Amico

Si è svolto lo scorso 13 ottobre nella sala Imbeni del comune di Bologna, un incontro alla presenza dell’assessora alle Pari Opportunità e Diritti Susanna Zaccaria, con la partecipazione delle consigliere Federica Mazzoni e Roberta Li Calzi (presidente della Commissione Consiliare Parità e Pari opportunità), avente come oggetto Gender Pay Gap: il caso dei caregiver familiari.

All’incontro ha preso parte Roberta Mori, Presidente della Commissione per la Parità e i Diritti delle Persone della Regione Emilia Romagna, che ha patrocinato l’iniziativa, anche a partire dall’interesse specifico che la regione stessa ha messo in luce in questi anni tramite l’approvazione di una legge regionale ad hoc sul tema.

A partire dalle buone pratiche in corso di realizzazione in Emilia Romagna sia da parte delle istituzioni che della società civile, il tema è stato affrontato nella duplice prospettiva del sistema dei servizi sociali e della conciliazione tra lavoro professionale e lavoro di cura per chi svolge un’assistenza costante a favore di un familiare e, allo stesso tempo, un lavoro dipendente.

Nell’incontro, organizzato da ARCS e Le Nove nell’ambito del progetto Agir contre les écarts de salaire Femmes/Hommes (GPG) : prendre en compte le cas des aidantes informelles , la voce della società civile emiliana è stata portata da Lalla Golfarelli, presidente dell’Associazione CARER.

Sono stati presentati i principali materiali prodotti nei due anni di progetto transnazionale, compresa la ricerca specifica realizzata in Italia, che hanno riscosso un notevole interesse per l’ottica di analisi e di proposte che collega il tema dell’assistenza familiare alle discriminazioni sul lavoro, in particolare a quelle specifiche di genere salariali.

A questo proposito si è convenuto di dar vita a un secondo appuntamento, un’audizione da parte delle commissioni competenti sul tema.

Un terreno che apre anche per il futuro possibili sinergie di lavoro comune.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti