fbpx

28Ottobre2016 Franco Uda: Marcia #PerugiAssisi bene comune

Condividi

di Franco Uda, Vicepresidente nazionale ARCS

La Marcia Perugia-Assisi è un bene comune della democrazia del nostro Paese. E non solo: non c’è in nessuna altra parte in Europa, e nel mondo intero, una manifestazione simile, che chiama a raccolta i cittadini attraverso una mobilitazione di massa per esprimere il proprio punto di vista dissenziente rispetto al pensiero unico del conflitto globale perenne.

In questi tempi avari di partecipazione rappresenta una preziosa eccezione che dobbiamo tenerci stretta, perché rappresenta – tra le altre cose – uno dei pochi momenti nei quali le comunità locali, attraverso le proprie rappresentanze istituzionali, la società civile organizzata, imprescindibile sostrato democratico della nostra società, le organizzazioni di rappresentanza del mondo del lavoro, le agenzie educative, i cittadini comuni, si trovano fianco a fianco, passo dopo passo, uniti in un percorso che metaforicamente è quello che traguarda un quadro di convivenza possibile, tra gli esseri umani e tra questi e il nostro pianeta.

In una fase in cui – in tutto il mondo – ci si sforza per trovare modelli di democrazia che allarghino lo spazio pubblico, ricerchino un nuovo protagonismo dal basso, elaborino un pensiero – nuovo e forte – per “democratizzare la democrazia”, questa occasione rappresenta anche la sfida contro l’atomizzazione sociale e l’individualismo, l’egoismo delle rendite di posizione acquisite, la lungimiranza di scendere in piazza “non per sé ma per gli altri”. E questo è possibile proprio perché non siamo un Paese in stato di guerra, perché la guerra porta con sé anche la sospensione delle forme più elementari di democrazia; la pace – di contro – rappresenta un’alternativa, che può essere agita con gli strumenti della democrazia, non imprigionandola nell’angusto recinto dell’orizzonte culturale, ma attraverso un articolato progetto politico che scuota le coscienze, solleciti le istituzioni, interroghi i governi.

Il dramma di Aleppo è anche la constatazione che ancora oggi l’opinione pubblica internazionale è in grado di tollerare massacri e bombardamenti di massa in alcuni luoghi e non in altri. I principali casi di conflitti non risolti o di processi di destabilizzazione confermano le corresponsabilità della comunità internazionale che, violando il diritto internazionale e disattendendo la diplomazia, non restituisce alla politica e alla cooperazione tra comunità il ruolo di strumento alternativo alla violenza e all’uso delle armi.

Perché siamo arrivati a questo stato di assuefazione e di apatia? Perché l’ideale di pace è in crisi e persino considerato da alcuni parte dello strumentario ideologico del passato? Nelle nostre società hanno prevalso aspetti contraddittori con il processo di universalità dei diritti individuali e collettivi costruiti nello scorso secolo e la pace non è una condizione estranea a un determinato contesto. Si vive in pace se nel rapporto con gli altri si è riusciti a creare uno stato di fiducia, di giustizia e di responsabilità reciproca, dall’ambito privato a quello delle relazioni nella comunità. Tutto ciò è condizionato dalla politica, dal funzionamento e dalla capacità delle istituzioni di garantire che le regole siano rispettate, dall’attuare quei meccanismi e strumenti di solidarietà che impediscano di lasciare indietro o emarginare chi è in difficoltà, di riconoscere la libertà e l’iniziativa del singolo senza rompere il legame solidale che deve rimanere un punto fermo del sistema, nel locale come nel globale, nel governo di una istituzione di comunità come nelle relazioni tra stati. Costruire questo impianto di coerenze nell’universo mondo è senza alcun ombra di dubbio un esercizio sovra-umano ma è la nostra sfida, da agire prima che sia troppo tardi.

 

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti