fbpx

20Giugno2017 La restaurazione di Trump: farsa o realtà?

Condividi

di Federico Mei – Rappresentante ARCS a Cuba

Mentre in Italia Cuba viene indicata come una delle 10 mete imperdibili per le vacanze estive, c’è un popolo, quello americano, che nel fine settimana si è risvegliato ancora una volta con il divieto di poter viaggiare per turismo sull’isola caraibica.

Questo è per ora l’unico vero risultato dello show Trumpiano, andato in onda venerdì scorso a Miami, di fronte ad una folla di nostalgici della linea dura contro i Castro al grido di slogan stantii e pieni di retorica rispolverati per l’occasione.

Un Trump in forma, sorridente, convinto di aver in poco tempo dato seguito ad un’altra delle tante promesse elettorali: stralciare l’accordo voluto da Obama e spingere Cuba a tornare al tavolo delle trattative per ottenere negoziati più “giusti”. Ma a ben vedere l’unico vero cambio è quello nel linguaggio tornando a definire Cuba “un regime brutale” e tornando ad impartire condizioni di busciana memoria sotto l’idea “dell’esportazione della democrazia”. Quindi elezioni libere, maggiore potere ai cubani, liberazione dei prigionieri politici e infine una “Cuba libera” per poter andare avanti nel dialogo.

Retorica ostile da guerra fredda”, ha risposto il governo Cubano che ha rispedito ogni accusa al mittente e ribadito una cosa sacrosanta: qualsiasi cambiamento del sistema politico sarà deciso dal popolo cubano e non certo dai diktact di Trump o di chicchessia.

E quindi? E quindi poco o niente perché in fondo nulla è cambiato anche perché sono troppi gli interessi economici e finanziari già in atto.  Le catene di Hotel americane continuano a fare affari a Cuba un po’ dappertutto, i diritti acquisiti dalle compagnie aeree e marittime rimangono assolutamente intatti e anche la volontà di separare la possibilità di fare affari con l’imprenditoria civile piuttosto che con quella militare si presenta come una mezza bugia visto che a Cuba, essendo un paese socialista e statalista, non una dittatura militare,  tutto fa riferimento allo stato compreso l’esercito.

Mezze verità che però potranno avere delle conseguenze reali visto che la paura di molti è che questa atmosfera porterà a rialzare l’attenzione e magari a l’irrigidimento di processi che al contrario avevano dimostrato una dinamica positiva anche grazie alla libertà di azione concessa dal governo stesso.

Il lavoro per conto proprio o “cuentapropismo”, ad esempio, come viene chiamata a Cuba l’iniziativa privata, ha fatto un balzo in avanti tanto da arrivare a toccare punte del 30% degli occupati nel 2016 mentre solo nel 2010 non superava il 4/5% ed era permesso solo in pochissimi settori tra cui quello della ristorazione e dell’accoglienza (case particolar).

Il settore che ha mostrato il maggior dinamismo con il fiorire di attività “particolar” cioè private, collegate all’aumento del numero di visitanti sull’isola, è proprio quello del turismo e cioè quello maggiormente colpito dall’editto Trump. Ristorantini, caffetterie, negozi, atelier, hanno riempito le vie dell’Avana Vecchia mentre i servizi al turismo “alternativo” a quello dei grandi Hotel e alle agenzie statali sta facendo enormi progressi.

Certo, l’impatto del turismo made in USA è ancora limitato se pensiamo che nel 2016 i visitatori americani non superavano gli 80.000 e se ne prevedevano il doppio per il 2017, ma è nei servizi internazionali che questo potrebbe avere un impatto più vistoso dato che molti operatori turistici hanno capitali americani e potrebbero tornare a non offrire servizi su cuba per non imbattersi nelle sanzioni per aver violato il blocco.

E ora? Ora tutto rischia di tornare indietro o magari no visto che Trump in questa nuova crociata si ritrova isolato tanto a livello internazionale che a casa propria, ma certo è che la decisione non aiuta al dialogo e quindi di fatto un mezzo pasticcio, dettato ancora una volta da una visione distorta e antistorica della realtà,  dove a perderci sono un po’ tutti, a partire dai cittadini e le cittadine di questi due paesi così vicini ma allo stesso così lontani.

paesi d'intervento

69

Paesi di intervento

progetti

2.200

Progetti

operatori locali

60.000

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti