fbpx

20Novembre2017 Continua il nostro impegno in Senegal nel quadro del progetto PONTI

Condividi

di Simona Federico

Tante le energie messe in campo in Senegal grazie al progetto PONTI per l’inclusione sociale ed economica dei giovani e delle donne, la promozione delle opportunità, dell’impiego e della microimpresa e la valorizzazione del ruolo delle diaspore e dei migranti di ritorno.

La recente missione ci ha permesso di monitorare il lavoro dei partner del progetto e al contempo mettere le basi per nuove collaborazioni e migliorare il coordinamento con altre iniziative in corso.

Abbiamo partecipato all’inaugurazione del primo sportello di orientamento al lavoro per i giovani e le donne della regione di Kaffrine insieme ai partner Cim Onlus e CoopCim; insieme al CIPSI abbiamo avuto modo di approfondire la conoscenza con REMIDEV (Rete Associazioni Migrazione e Sviluppo) che riunisce ONG, Associazioni e ricercatori che si occupano di migrazioni e libertà di circolazione, CARITAS-PARI (Punto d’accoglienza per rifugiati e immigrati) tra i pochi soggetti che in Senegal forniscono assistenza a rifugiati, richiedenti asilo e migranti di ritorno, AJMS (Association des journalistes en migration et sécurité) che riunisce giornalisti impegnati per l’informazione responsabile sulle tematiche migratorie e COFLEC (Collettivo delle donne contro l’emigrazione clandestina di Thiaroye dur Mer) creato da madri dei dispersi in mare per parlare ai giovani delle alternative alla migrazione clandestina. A Thiès con La Palabre abbiamo incontrato il GRAIM (Groupe de recherche et d’appui aux initiatives mutualistes) e toccato con mano quanto si sta facendo per lo sviluppo rurale.

Inoltre si sono rafforzate le relazioni con altre ONG che stanno implementando iniziative su migrazione e sviluppo con cui si possono stabilire nuove e fruttuose sinergie, in quanto crediamo che mettere insieme le forze e lavorare in coordinamento sia fondamentale per ottenere buoni risultati.

Abbiamo poi incontrato diverse istituzioni ed autorità locali impegnate nel rafforzamento del legame tra migrazione e sviluppo e quindi la promozione degli aspetti positivi della migrazione e del ruolo che le diaspore possono giocare quali le Agenzie Regionali di Sviluppo di Dakar, Kaffrine e Louga, i Consigli dipartimentali e i referenti di alcuni Comuni e dell’ANPEJ (Agenzia nazionale per la promozione dell’occupazione giovanile) che saranno invitati a partecipare ai tavoli di concertazione previsti a partire dal mese di dicembre.

Grazie al progetto PONTI infatti si intende sviluppare il dialogo con istituzioni e organizzazioni della società civile che in Senegal sono impegnate per promuovere dinamiche positive e sostenibili di partecipazione, crescita e inclusione sociale e in tal senso si è scelto di rafforzare le capacità di coloro che sul territorio sono già impegnati attivamente.

Due nuovi soggetti sono stati coinvolti nelle attività di sensibilizzazione da ARCS e sono in particolare l’associazione di giovani BanlieueUp e l’Associazione ASSITEJ. BanlieueUP è un’associazione che lavora con i giovani delle periferie di Dakar, per promuovere la partecipazione attiva e l’impegno per lo sviluppo comunitario. Attualmente gestiscono anche un progetto finanziato dall’Ambasciata statunitense “Young Trasparency Ambassadors”. ASSITEJ Senegal è un’associazione che propone il teatro come strumento di formazione, informazione e partecipazione per i giovani. Il suo presidente è un migrante di ritorno che si è formato in Italia. Collaborerà alla realizzazione della campagna di sensibilizzazione attraverso il teatro di strada e l’organizzazione di giornate di sensibilizzazione e atelier nelle scuole.

Intanto, per quanto riguarda l’asse di rafforzamento delle capacità di donne e giovani ARCS, in collaborazione con l’associazione ASDOB, sta sostenendo la formazione professionale di donne e giovani per l’avvio di micro-imprese generatrici di reddito nella periferia di Dakar. Accompagnando 40 donne in gran parte capofamiglia, 20 ragazze e 20 ragazzi esclusi dai percorsi educativi tradizionali per lo sviluppo di progetti imprenditoriali in settori quali la sartoria, la serigrafia e la tintura dei tessuti, la produzione di sapone, la trasformazione di prodotti alimentari e l’avicoltura si intende migliorare la condizione socio-economica di soggetti particolarmente vulnerabili. Abbiamo potuto verificare il buon andamento delle formazioni e l’impegno dei partecipanti che stanno investendo tutte se stesse per ottenere i migliori risultati.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti