fbpx

27Dicembre2017 Partono le attività di Capacity Building per OSC e Istituzioni in Senegal

Condividi

Costruzione di strategie condivise, piani di sviluppo locale e meccanismi di risposta integrata

Dall’11 al 15 dicembre a Dakar 19 operatori e rappresentanti delle società civili e delle istituzioni locali sono stati impegnati nella formazione “Capacity Building: Costruzione di strategie condivise, piani di sviluppo locale e meccanismi di risposta integrata” tenuta da Viera Schioppetto, Capoprogetto CIES in Tunisia.

Al Seminario, il primo dei tre previsti, che intendeva attivare il dialogo tra gli attori locali che a diversi livelli intervengono nella gestione dei servizi e nella definizione di strategie legati allo sviluppo locale e alle migrazioni, hanno partecipato rappresentanti delle Agenzie regionali di sviluppo, delle autorità locali, delle agenzie per la promozione dell’impiego e delle organizzazioni della società civile provenienti dalle zone dove operano i diversi partner del progetto.

Il denso programma formativo del workshop è stato caratterizzato da un approccio partecipativo e un lavoro di rete che ha coinvolto attivamente i partecipanti in tavoli di discussioni, lavori di gruppo, dibattiti circa il fenomeno migratorio in Senegal, i rischi della migrazione irregolare, i ritorni e la diaspora, i servizi presenti nel territorio e del progetto Ponti e la ricerca di soluzioni e strategie condivise.

L’analisi del contesto in cui si evidenziano le caratteristiche quantitative del fenomeno migratorio e l’organizzazione del sistema dei servizi territoriali disponibili in materia di inclusione sociale ed economica ha permesso un lavoro di mappatura dei servizi e delle reti formali e informali esistenti e degli attori coinvolti nel fenomeno migratorio. L’identificazione delle debolezze e dei bisogni degli stessi ha fatto sì che il gruppo di lavoro abbia elaborato un piano di azione atto a migliorare i servizi esistenti, e sviluppare il networking formale e informale. Questo lavoro ha favorito, inoltre una riflessione importante sul contributo della diaspora al fine di promuovere e rafforzare le attività di produzione agricola e artigianali locali.

Durante la formazione i partecipanti hanno beneficiato dell’assistenza tecnica e della mediazione linguistica dell’esperto Mambaye Diop (Doxandem) e dell’intervento dell’esperto in migrazioni Aly Tandian (Groupe d’Etudes et de Recherches sur les Migrations dell’Università di Saint Louis).

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti