fbpx

20Febbraio2019 Libano: ARCS e AIDOS per la salute riproduttiva

Condividi

di Irma Di Giacomo

Prosegue la partnership tra ARCS e AIDOS (Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo) nel quadro del progetto “Inclusione sociale, formazione e salute riproduttiva per donne e bambini dell’area di Naba’a, Burj Hammoud” finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Tra il 21 e il 25 gennaio infatti, si sono svolte in Libano delle giornate di formazione rivolte agli operatori del partner locale Basmeh & Zeitooneh, con lo scopo di rafforzare le loro capacità di promuovere la salute sessuale e riproduttiva della donna.

Ornella Fantini, ostetrica AIDOS, ha affrontato con i membri dello staff dell’Information Hub all’interno del Centro Comunitario varie tematiche, tra cui la pianificazione familiare ed i metodi anticoncezionali esistenti, la nutrizione in gravidanza e le raccomandazioni OMS sul tipo di alimentazione più adatto per le donne incinte, le fasi del travaglio e la preparazione al parto con alcuni consigli su come facilitare il processo ed infine l’importanza dell’allattamento al seno per madri e bambini.

La formazione, che ha visto partecipare la psicologa, infermiera, assistente sociale e outreach coordinator del Centro, è stata anche occasione per avviare un momento di confronto sulla realtà libanese riguardo alle tematiche trattate, questioni delicate perché spesso considerate tabù all’interno di una società fortemente patriarcale, in cui i diritti e necessità delle donne passano in secondo piano.

Infatti, le problematiche presenti in Libano in generale e più marcatamente in quartieri popolari come Bourj Hammoud, quali scarse possibilità di accesso al mercato del lavoro ed a servizi basici di sanità e istruzione, rafforzano il circolo vizioso della povertà e delle tensioni sociali che si sfogano spesso anche a livello familiare. Con l’Information Hub si vuole garantire alle donne accesso a informazioni utili per la loro salute e sicurezza, nonché uno spazio protetto in cui scambiare esperienze ed essere accompagnate da professionisti in ambito psicologico, sociale e legale.

Grazie al progetto, ad oggi 16 membri dello staff di B&Z hanno avuto accesso a formazione teorica e training on the job, e oltre 2700 persone hanno avuto accesso ai servizi di consulenza dell’Information Hub.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti