fbpx

10Luglio2020 In Giordania ricominciamo le attività in presenza

Condividi

di Kristin Cataldo

In Giordania fa di nuovo caldo e il paesaggio da verde e rigoglioso, come l’avevamo lasciato all’inizio di Marzo, prima di un lungo lockdown, l’abbiamo ritrovato secco e giallo.

Finalmente la pandemia conta molti meno contagi e le restrizioni si sono ridotte, la vita sta riprendendo piano piano il suo corso e ci si può finalmente spostare liberamente all’interno del Paese.

Anche il team di ARCS ha ripreso le attività in ufficio e il 30 Giugno si è svolta una awareness session a Karak, a sud della Giordania nell’ambito del progetto finanziato da UN OCHA: PRO-ACTION: protective and inclusive activities for children with disabilities.

Visto che i grandi assembramenti sono ancora vietati, ARCS ha realizzato l’attività nel grande spazio all’aperto del Basma Centre, centro che si occupa di bambini con disabilità. Le donne del Basma Centre erano entusiaste di poter finalmente partecipare a una sessione sull’autismo e sulla terapia occupazionale.

Sedici donne alle 10 del mattino in punto erano già pronte e, come di consueto, davanti ad un caffè  arabo, anche detto qahwa, hanno condiviso il piacere di ritrovarsi insieme dopo questo lungo periodo in cui, con le scuole chiuse, hanno visto aumentare decisamente il carico di lavoro per garantire la salute e l’educazione dei loro bambini e bambine.

E’ stata anche l’occasione per consegnare il premio al bambino vincitore del contest che avevamo promosso per coinvolgere i ragazzi nella sensibilizzazione sull’importanza di lavarsi le mani.

Avvolte dal profumo di cardamomo, abbiamo parlato, guidati dagli esperti, di terapie e integrazione sensoriale nella vita dei bambini e delle bambine con comportamenti autistici, imparando varie tecniche facilmente riproducibili a casa a costo zero. Abbiamo capito l’importanza di queste strategie per migliorare la vita dei bambini a livello sociale, sensoriale, emotivo, psicologico, fisico, in termini di autonomia e mobilità.

La sessione ha portato una ventata di positività ed entusiasmo: tutte abbiamo voglia di riprendere le attività per superare la paura e lo stress degli ultimi mesi. Ce la metteremo tutta per ricominciare in sicurezza!

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti