04Febbraio2021 Il progetto ‘POWER’ alla prova della formazione a distanza

Condividi

di Giulia Gerosa

Il progetto regionale ‘POWER – Promuovere l’empowerment economico e sociale delle donne vulnerabili in Libano, Giordania ed Egitto riprende le attività in Libano. Nonostante le restrizioni e le conseguenze di un coprifuoco imposto h24, ARCS insieme al partner locale MADA si impegna a dare continuità agli interventi programmati.

Dopo aver cominciato e concluso il ciclo di formazione in gestione d’impresa per la prima cooperativa, con sede a Jdeidet el Qaitaa, si sta dando seguito al supporto previsto in termini di strumenti e macchinari necessari.

In particolare, dopo una visita sul campo nel mese di dicembre con le donne della cooperativa, che ci hanno orgogliosamente mostrato e fatto assaggiare i loro preziosi prodotti (marmellate, salse di pomodoro, e mouneh – equivalenti ai nostri alimenti sott’olio), abbiamo discusso degli strumenti tecnici necessari per rilanciare il lavoro dopo questo periodo di incertezza e di farlo nella maniera più efficiente e ottimale possibile.

Le restrizioni non hanno fermato l’inizio delle attività anche con la seconda cooperativa, basata a Tal Hayat: anch’essa finalmente ha cominciato il percorso di formazione in gestione d’impresa, grazie alle sinergie messe in campo dai partner locali con cui si è deciso di non posticipare l’inizio del corso, ma di trasporlo online.

Spesso, in tali contesti, non è così immediato e semplice organizzare attività online, vista la mancanza di una infrastruttura vera e propria nel Paese, soprattutto nella nostra area di intervento, la regione settentrionale dell’Akkar. Ciò nonostante, abbiamo voluto provarci e dopo la prima settimana sia il formatore sia le 10 ragazze partecipanti si sono detti soddisfatti della nuova modalità utilizzata.

La formazione online continuerà durante il periodo di chiusura; tuttavia l’intento è di riportare l’attività alle normali sessioni in presenza per lo svolgimento delle lezioni più pratiche e di esercizio, e al fine di dare alle ragazze coinvolte maggiore spazio di interazione ed espressione.

paesi d'intervento

11

Paesi di intervento

progetti

250

Progetti

operatori locali

500

Operatori locali

Iscriviti alla newsletter

Come usiamo i fondi

8%Alla struttura

92%Ai Progetti