26Febbraio2021 Riaprono le porte virtuali del centro comunitario di Naba’a, Beirut

Condividi

di ARCS Libano

I continui “apri e chiudi” a cui ha assistito il Libano, come la maggior parte del mondo durante l’ultimo anno di pandemia, hanno intralciato l’implementazione armoniosa della seconda annualità del progettoEducazione e prevenzione del disagio sociale per donne e bambini vulnerabili a Naba’a, Beirut” finanziato da Fondazione San Zeno e in partnership con l’organizzazione locale Basmeh & Zeitooneh.

Il progetto, che prevede un’azione di empowerment economico femminile e un’azione didattica per i bambini di uno dei quartieri più marginalizzati di Beirut, si colloca in un momento storico drammatico per il Paese e, soprattutto, per le popolazioni vulnerabili che lo abitano. Pertanto,  è stato fondamentale trovare le soluzioni migliori per garantire il proseguimento dell’intervento reso ancor più necessario dal deterioramento della situazione socio-economica.

Per entrambe le azioni, quindi, lo spazio del centro comunitario si è temporaneamente spostato su gruppi dedicati WhatsApp, e sono stati garantiti dispositivi e accesso ad internet alle beneficiarie e ai beneficiari sprovviste/i.

Anche se i training di accesso al mercato e di soft skills entreranno nel vivo alla fine del mese corrente, le prime 13 donne sono già coinvolte da remoto nell’attività di supporto psicosociale, e i primi riscontri sono incoraggianti. “L’atmosfera che si è creata nelle sessioni iniziali è magnifica, si ha l’impressione di partecipare ad un sobheyi” (nella tradizione locale, momento del mattino in cui amici o vicini di casa si siedono davanti ad un caffè e si immergono in conversazioni delle più svariate, ndr) riporta la coordinatrice locale del progetto, Nahida Tawbe, soddisfatta dello “spazio sicuro” in cui si sta svolgendo l’attività.

Anche i bambini, che più soffrono la chiusura del centro diventato ormai un luogo di riferimento e di aggregazione,  riescono a continuare le attività di sostegno scolastico e di alfabetizzazione grazie ai video didattici condivisi giornalmente sui gruppi WhatsApp dedicati ed integrati con followup individuali da parte delle insegnati. La nota positiva delle video-lezioni è la loro diffusione tra tutti i membri delle famiglie degli studenti, specialmente fratelli e sorelle, sicuramente un fattore che accresce l’impatto dell’intervento, già limitato dalla chiusura del centro.

paesi d'intervento

11

Countries of intervention

progetti

250

Project

operatori locali

500

Local operators

Sign up for the newsletter

How we use the funds

8%To the structure

92%To projects